"The Square" trionfa agli European Film Award 2017

The Square, la commedia satirica di Ruben Östlund ambientata nel mondo dell’arte contemporanea e incentrata sulla figura del curatore di un museo di Stoccolma, è stata l’asso pigliatutto alla 30° edizione degli European Film Award, assegnati ieri sera a Berlino. Già vincitore della Palma d’Oro al Festival di Cannes e selezionato come rappresentante della Svezia agli Oscar, The Square si è aggiudicato un totale di ben sei European Film Award: miglior film, miglior regia, miglior attore per Claes Bang, miglior sceneggiatura, miglior commedia e miglior scenografia.

Il trionfo di The Square ha lasciato ben poco spazio agli altri contendenti, fra cui l’ungherese Corpo e anima di Ildikó Enyedi, ricompensato con il premio per la miglior attrice ad Alexandra Borbély, e Loving Vincent di Dorota Kobiela e Hugh Welchman, eletto miglior film d’animazione. Il dramma russo Loveless di Andrey Zvyagintsev ha ricevuto due premi tecnici per miglior colonna sonora e fotografia, il francese 120 battiti al minuto di Robin Camillo il trofeo per il miglior montaggio; il dramma britannico in costume Lady Macbeth di William Oldroyd è stato eletto miglior opera prima, mentre Stefan Zweig – Farewell to Europe di Maria Schrader ha conquistato il People’s Choice Award.

Nel corso della cerimonia di premiazione sono stati consegnati anche alcuni riconoscimenti speciali: lo European Film Award alla carriera al regista russo Aleksandr Sokurov, un premio per i risultati nell’ambito del cinema internazionale all’attrice, sceneggiatrice e regista francese Julie Delpy e un premio speciale al produttore croato Cédomir Kolar. Il Presidente della European Film Academy, Wim Wenders, ha pronunciato invece un lungo discorso sull’importanza del cinema europeo come elemento di aggregazione per l’intera comunità europea in un periodo di profonde divisioni.