"Touch me not" Orso d'Oro a Berlino, premiato anche Wes Anderson

Con un verdetto molto discusso e che ha lasciato spiazzata la critica, Touch me not, primo lungometraggio della regista rumena Adina Pintilie, si è aggiudicato l’Orso d’Oro come miglior film alla 68° edizione del Festival di Berlino. La pellicola, film dal taglio sperimentale e a sfondo erotico, ha ricevuto il riconoscimento più importante assegnato dalla giuria di quest’anno, presieduta dal regista tedesco Tom Tykwer, e ha vinto anche il premio come miglior opera prima. L’Orso d’Argento è stato attribuito invece a Twarz, firmato dalla cineasta polacca Malgorzata Szumowska.

Il grande autore americano Wes Anderson è stato ricompensato con il premio per la miglior regia grazie al film d’animazione L’isola dei cani, fra i titoli più applauditi alla Berlinale. Doppia vittoria per Las herederas, del paraguayano Marcelo Martinessi: l’Alfred Bauer Prize e il trofeo come miglior attrice alla protagonista, Ana Brun. L’Orso d’Argento per il miglior attore è stato attribuito al giovanissimo Anthony Bajon per il dramma francese La prière, di Cédric Kahn, mentre Alonso Ruizpalacios e Manuel Alcalá hanno ottenuto il premio per la miglior sceneggiatura grazie al film messicano Museum, interpretato da Gael García Bernal.