A casa nostra - Recensione

Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 2 voto/i
3.75/5

Chez nous

RANKING
729° su 2102 in Generale
303° su 613 in Drammatico
20171 h 57 min
Trama

Pauline Duhez, un'infermiera a domicilio tra Lens e Lille, si occupa dei suoi due figli e del padre Jacques, un metalmeccanico militante comunista. Pauline è una persona generosa, amata dagli abitanti della sua piccola città nel nord della Francia e tutti i suoi pazienti contano su di lei; approfittando della sua popolarità, la leader di un partito estremista, Agnès Dorgelle, le proporrà di diventare il loro candidato alle prossime comunali.

Metadata
Regista Lucas Belvaux
Titolo originale Chez nous
Data di uscita 27 aprile 2017
Nazione FranciaBelgio
Durata 1 h 57 min
Attori
Cast: André Dussollier, Guillaume Gouix, Catherine Jacob, Anne Marivin, Patrick Descamps, Michel Ferracci, Jean-Louis Sbille, Émilie Dequenne
Trailer

“A casa nostra” di Lucas Belvaux è un film politico: non lo nasconde, lo ostenta. Sicuramente con coraggio, ma in prima sede con una tensione al realismo fortissima e coinvolgente. Il rischio in questi casi è proprio quello di dimenticare il cinema a favore dell’intento politico, del messaggio, dello slogan, così da regredirlo a mero strumento o mezzo di comunicazione; “A casa nostra”, invece, non cade nell’errore, mantenendo un equilibrio di base fondamentale e tutelando una dimensione intima, puramente cinematografica, del racconto, così densa da diventare l’ingranaggio dell’intreccio politico che il film intende imbastire. Un cinema militante che non rinnega la sua natura e che trova anche la forza di prendere posizioni importanti, sapendo così di ingraziarsi parte del pubblico e inimicarsi un’altra parte, ma di non aver compromesso la sua qualità artistica complessiva. Pauline Duhez (Emilie Dequenne, la “Rosetta” dei fratelli Dardenne) fa l’infermiera a domicilio in un distretto a nord della Francia: entra nelle case dei pazienti, si prende cura di loro, è conosciuta da molti, cresce da sola i suoi due figli.

La ragazza rappesenta il volto perfetto della candidata sindaco per l’RNP, un partito di estrema destra che tenta di ripulire la sua immagine esterna, pur conservando al suo interno i medesimi valori intransigenti, razzisti, talvolta violenti. Pauline di fatto è l’incarnazione di questa immagine nuova, donna comune e neofita politica, pulita e al di sopra delle parti. Non può usare parole razziste, anche perché non la fanno parlare: è così semplice ed ingenua che diventa perciò manipolabile. Se non fosse per Stéphane, detto Stanko, un ex-amore adolescenziale che ricompare in scena, stravolgendo la sua vita pubblica e privata. Il film perciò prende a prestito la vita di una persona comune per raccontare come il gioco della politica, ben congegnato e architettato, possa essere così suadente e convincente da intrappolarti e stravolgerti, inglobandoti a suon di retorica, a tal punto da compromettere non solo i valori con cui sei cresciuto, ma anche quelli attuali, presenti, universali, che hanno a che fare con i sentimenti: l’amore per la famiglia o per un compagno, per esempio.

Uscito in Francia in piena campagna elettorale, “A casa nostra” arriva nelle sale italiane a pochi giorni dal ballottaggio che sceglierà il nuovo presidente francese. E il film di Belvaux non si è voluto nascondere: i capelli biondi della rappresentate del partito di estrema destra, Agnés Dorgelle (Cartherine Jacob), e quelli di Pauline, una volta tinti per i manifesti di propaganda, sono riferimenti non così mascherati al Front National di Marine Le Pen. C’è una denuncia, chiara e puntuale, nella tesi del film, ma condotta con i termini del cinema, con il suo linguaggio, dentro una storia tanto realistica da fare anche paura, ma intelligentemente appassionante, che si fa forza pure delle “ombre” proprie del genere thriller, da illuminare nel passato di Stanko, sebbene quando poi si rivelano nel finale sciupino un po’ il senso complessivo dell’opera. Resta, a conti fatti, un’opera tanto urgente quanto allarmante.

Voto dell’autore:3.8 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Simone Santi Amantini (vedi tutti)

Loading...