A cena con un cretino - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da evitare
sulla base di 1 voto/i
2.40/5

A cena con un cretino

RANKING
2432° su 2562 in Generale
30° su 36 in Demenziale
20101 h 54 min
Trama

Tim Conrad è un impiegato intraprendente ed ambizioso che per ingraziarsi il suo capo, Lance Fender, deve venire meno ai suoi principi ma soprattutto a quelli della sua ragazza Julie, e si trova a doversi procurare un fenomeno da baraccone per intrattenere una singolare gara a una cena organizzata dal suo capo. Incontra per caso Barry Speck, una persona che sembra proprio adatta all'occasione, ma che finirà per creare a Tim diversi problemi…

Metadata
Regista Jay Roach
Titolo originale Dinner for Schmucks
Data di uscita 5 Novembre 2010
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 54 min
Attori
Cast: Steve Carell, Paul Rudd, Stephanie Szostak, Jemaine Clement, Zach Galifianakis, Lucy Punch, Bruce Greenwood, David Walliams, Ron Livingston, Kristen Schaal, Andrea Savage, Randall Park, Lucy Davenport, Chris O'Dowd, Jeff Dunham, Octavia Spencer, Patrick Fischler, Rick Overton, Blanca Soto, Nicole LaLiberte
Trailer
A cena con un cretino

“A cena con un cretino” è la versione americana della commedia cult francese “La cena dei cretini” del 1998. Ad interpretare il “cretino” c’è questa volta Steve Carell (“40 anni vergine”), mentre Paul Rudd interpreta l’altro protagonista della storia, ovvero il rampante dipendente costretto a partecipare alla suddetta cena con un adeguato accompagnatore. A dirigere c’è Jay Roach, regista della serie di Austin Power e del celebre “Ti presento i miei”, altro remake. Davanti ad una operazione del genere, il timore di trovarsi davanti ad una inutile brutta copia dell’originale è inevitabile; fortunatamente talvolta si può essere smentiti, ma non è questo il caso, purtroppo.

Roach americanizza fortemente il soggetto di partenza e gli effetti sono alquanto deleteri. Difatti tutto ciò che c’era di buono nel film originale qui viene smontato e svilito, come l’impianto teatrale della vicenda, infarcita invece di esterni che hanno la futile pretesa di rendere più movimentata la storia, o la geniale idea di evocare la cena senza però mai mostrarla, mentre qui puntualmente Roach la mette in scena ricavandone una pacchianata ben poco divertente. In generale poi c’è un involgarimento e una banalizzazione dei vari personaggi, più eccessivi e demenziali dell’originale e figli di una comicità più improntata su battute usa e getta che non su un fine gioco degli equivoci.

Gli interpreti non lavorano male e talvolta, come nel caso del simpatico Zach Galifianakis, rendono più sopportabili personaggi altrimenti tediosi. Insomma da Roach ci si sarebbe potuto aspettare qualcosa di più; anche se scegliere di realizzare il remake di una pellicola riuscita e tutto sommato recente come “La cena dei cretini” vuol dire andarsela a cercare già in partenza.

Voto dell’autore:2.4 / 5

The following two tabs change content below.
Chi sono? Bella domanda sicuramente meglio della risposta che vi riporto di seguito. Sono un ragazzo di 32 anni di professione Ingegnere, appassionato soprattutto di cinema e che ha trovato nel collezionare i Dvd il più naturale sfogo alla sua passione. Nel tempo libero non c'è attività che superi il guardarmi un bel film sopra una comoda poltrona (forse solo una partita di calcetto).

Ultimi post di Manuel Celentano (vedi tutti)

Loading...