A royal affair - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 2 voto/i
3.50/5

Royal Affair

RANKING
1376° su 2562 in Generale
29° su 37 in Storico
20122 h 17 min
Trama

Copenaghen, 1766. La Principessa Carolina Matilde di Hannover viene presa in moglie, appena quindicenne, da suo cugino Cristiano VII, sovrano di Danimarca e di Norvegia. Carolina resta subito turbata dal comportamento volubile e squilibrato del marito, che dopo averla messa incinta si ostina ad ignorarla; nel frattempo, alla corte danese fa il suo ingresso il medico tedesco Johann Friedrich Struensee.

Metadata
Regista Nikolaj Arcel
Titolo originale En kongelig affære
Data di uscita 29 Agosto 2013
Durata 2 h 17 min
Trailer
A royal affair

Cristiano VII Oldenburg, sovrano di Danimarca fra il 1766 e il 1808, è una figura storica ricordata soprattutto per le sue paranoie e i suoi gravi disturbi mentali, che lo resero un monarca instabile e facilmente manovrabile da parte dei poteri che gravitavano attorno alla corte di Copenaghen. La vicenda di Cristiano VII e del suo sfortunato matrimonio con la giovanissima cugina gallese, Carolina Matilde di Hannover, è stata raccontata dal regista Nikolaj Arcel con l’apprezzatissimo film “A royal affair”, che ricostruisce il periodo compreso fra il novembre del 1766, con il primo incontro fra Cristiano e Carolina, e il maggio del 1775. A prestare il volto, sullo schermo, al sovrano capriccioso e schizofrenico è l’esordiente Mikkel Følsgaard, che per la sua interpretazione ha ricevuto il premio come miglior attore al Festival di Berlino 2012.

Per la cronistoria dei primi anni di regno di Cristiano VII, Nikolaj Arcel e il suo co-sceneggiatore Rasmus Heisterberg si sono basati principalmente su due romanzi: “Il medico di corte” di Per Olov Enquist e “Prinsesse af blodet” di Bodil Steensen-Leth. Nella parte iniziale il film adotta il punto di vista di Carolina Matilde, impersonata dalla giovane attrice svedese Alicia Vikander, offrendoci il ritratto di una fragile adolescente intrappolata in un mondo in cui vigono regole e convenzioni ferree, che non lasciano spazio alcuno alla libera espressione dei sentimenti. Tale scenario di inesorabile freddezza emotiva, sottolineata anche dalla cupa fotografia di Rasmus Videbæk, è destinato a mutare con l’ingresso a corte del nobile tedesco Johann Friedrich Struensee (interpretato dal popolarissimo attore Mads Mikkelsen), ingaggiato dal Re come proprio medico personale: un carismatico esponente di quella aristocrazia “illuminata” che si pone in netto contrasto rispetto al rigido conservatorismo dell’ambiente di corte e che punta ad infrangere lo “status quo” attraverso un programma di rinnovamento e di riforme.

La dimensione pubblica e storica, con Struensee che in breve tempo si trasforma nell’eminenza grigia di Cristiano VII, diventando di fatto una sorta di potentissimo burattinaio in grado di controllare le decisioni del sovrano, procede in parallelo con la dimensione privata, ovvero la passione illegittima fra Struensee e la Regina (una passione dalla quale nascerà anche una figlia), sebbene talvolta Arcel fatichi ad instaurare una reale compenetrazione fra questi due piani narrativi. “A royal affair” resta sostanzialmente un’acuta e disincantata analisi dei rapporti di potere, vissuti innanzitutto come scontro ideologico fra due opposte visioni del mondo, pur con un certo schematismo di fondo (Struensee è dipinto come l’incarnazione di tutti i valori positivi in contrasto con il ceto aristocratico dominante). L’elegantissima ricostruzione d’epoca può contare sui raffinati costumi di Manon Rasmussen, mentre le musiche del film sono composte da Gabriel Yared.

Voto dell’autore:3.8 / 5

The following two tabs change content below.
Loading...