Alien - Covenant - Recensione

Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 3 voto/i
3.23/5

Alien - Covenant

RANKING
1551° su 2177 in Generale
75° su 112 in Fantascienza
20172 h 03 min
Trama

La nave spaziale Covenant, in missione di colonizzazione presso un pianeta simile alla Terra, intercetta una misteriosa frequenza radio. L'equipaggio comandato dal Capitano Christopher Oram e dal suo secondo, Daniels, assieme all'androide Walter, scoprirà che sul pianeta vive l'androide David, unico sopravvissuto della Missione Prometheus e identico a Walter, ma anche che il territorio è popolato da una specie aliena molto aggressiva.

Metadata
Regista Ridley Scott
Titolo originale Alien: Covenant
Data di uscita 11 maggio 2017
Durata 2 h 03 min
Attori
Cast: Michael Fassbender, Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo, Amy Seimetz, Jussie Smollett, Callie Hernandez, Nathaniel Dean, Alexander England, Benjamin Rigby, James Franco, Guy Pearce, Uli Latukefu, Goran D. Kleut, Tess Haubrich, Javier Botet, Matt Scaletti, Andrew Crawford
Trailer

A due anni dal successo di “Sopravvissuto – The Martian”, Ridley Scott torna dietro la macchina da presa con “Alien – Covenant”, seguito del film “Prometheus” del 2012 e secondo prequel della saga di “Alien”, nonché sesta pellicola in totale del franchise. Nel cast troviamo gli attori Billy Crudup, Katherine Waterston e Danny McBride assieme al riconfermato Micheal Fassbender, già presente nel precedente capitolo. A quasi 40 anni dall’uscita dell’originale “Alien” diretto da Ridley Scott, il regista riprende le redini della sua serie di maggior successo dopo il racconto di “Prometheus”, tentando di ampliare la storia antecedente alla celeberrima saga che vedeva protagonista Sigourney Weaver. Ambientato alcuni anni dopo le vicende di “Prometheus”, “Alien – Covenant” si rivela un altro sci-fi dalle tinte fosche, nel quale Scott miscela l’horror con l’avventura fantascientifica. Purtroppo però questo “Alien – Covenant” prosegue sulla via fallimentare che aveva già prodotto “Prometheus”, una sorta di grande e ambizioso “tonfo” da cui “Alien – Covenant” sembra trarre ispirazione, ripercorrendone i modelli e ampliandone problemi e difetti.

Se il coraggioso tentativo di inserire verbose questioni filosofiche sull’origine dell’umanità era forse il limite maggiore del capitolo precedente, qui Ridley Scott ripropone un’opera estremamente confusionaria, a cui la debole sceneggiatura di John Logan e Dante Harper non fornisce il giusto sostegno. Così “Alien – Covenant”, tra difetti di scrittura, rivelazioni e colpi di scena malriusciti che aggiungono poco all’intreccio, pone un interrogativo sul senso dell’operazione prequel, attraverso un film incerto sulla direzione da prendere. Se l’immaginario di rimando e le citazioni al capolavoro del 1979 appaiono come l’ancora di salvezza di un’opera intrinsecamente debole, il racconto si dipana nel tedio di una narrazione che miscela malamente i generi e gli stilemi noti della saga, in un triste impoverimento della mitologia firmata “Alien” e creata paradossalmente dallo stesso Scott. Tra un cast allo sbaraglio, ad esempio un Michael Fassbender in un doppio ruolo ma non proprio in forma, e scelte narrative discutibili, come il tentativo di trasformare il personaggio di Katherine Waterston una simil-Ripley, resta perlomeno la potenza iconica dell’alieno xenomorfo, in questo caso in una logica di rivisitazione e di rinascita.

Voto dell’autore:2.5 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Riccardo Tanco (vedi tutti)

Loading...