Alta tensione - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 2 voto/i
3.85/5

Alta Tensione

RANKING
656° su 2562 in Generale
4° su 36 in Demenziale
19771 h 34 min
Trama

Il dottor Richard Harpo Thorndike è appena sopraggiunto come nuovo direttore dell’“Istituto psiconeurotico per persone molto molto nervose”, e dovrà ben presto far luce su alcuni strani avvenimenti all’interno dell’istituto. Ingiustamente accusato di omicidio, per riabilitare la sua reputazione dovrà inoltre confrontarsi con il vero assassino e combattere con il proprio disturbo nervoso, denominato “alta tensione” e molto simile a quello diagnosticato al John “Scotty” Ferguson de “La donna che visse due volte” di Alfred Hitchcock.

Metadata
Regista Mel Brooks
Titolo originale High Anxiety
Data di uscita 14 Dicembre 2019
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 34 min
Attori
Cast: Mel Brooks, Madeline Kahn, Cloris Leachman, Harvey Korman, Ron Carey, Howard Morris, Dick Van Patten, Jack Riley, Charlie Callas, Ron Clark, Rudy De Luca, Barry Levinson
Trailer

No trailer added for this movie.

Alta tensione

Marito di Anne Bancroft e amico e compagno di scena di Gene Wilder, Mel Brooks è considerato uno dei più grandi commediografi della storia del cinema. Esordisce sul grande schermo con “Per favore, non toccate le vecchiette”, vincitore del premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale, e da lì in poi dedica gran parte della sua carriera alla parodia. Nel 1974 accresce il suo successo con “Mezzogiorno e mezzo di fuoco” e, contemporaneamente, con l’indimenticabile “Frankenstein Junior”. “Alta tensione” nascerà tre anni dopo, nel 1977, con lo scopo di prendere bonariamente in giro il maestro del brivido Alfred Hitchcock e dedicare proprio a lui l’ennesima, divertentissima parodia.

Pur mancando del tocco modestamente geniale innestato nei suoi altri capolavori cinematografici, come il già menzionato “Frankenstein Junior”, “Robin Hood – Un uomo in calzamaglia” o ancora “Dracula – Morto e contento”, “Alta tensione” dà comunque prova di tutto il potenziale comico di Brooks, e l’interpretazione del premio Oscar Cloris Leachman, così come quella di Madeline Kahn, restano in particolare davvero uniche nel loro genere. Il regista, che è qui ancora una volta in veste anche di compositore musicale, scrive e canta da solo una canzone, “High anxiety”, in una delle più memorabili e raffinate scene della pellicola, prendendo al contempo in giro le pietre miliari della filmografia hitchcockiana, quali, oltre a “La donna che visse due volte”, “Psyco”, “Gli uccelli” – il suo dottor Thorndike viene però colpito dal guano dei piccioni –, “Intrigo internazionale” e “Il delitto perfetto”.

Tutto, degli accadimenti che ruotano intorno all’“Istituto psiconeurotico per persone molto molto nervose”, riconduce dunque inevitabilmente all’immagine simbolo della parodia di Mel Brooks, ovvero alla sua faccia tormentata dell’uomo in preda alle vertigini che viene collocata scherzosamente al centro di un vortice colorato, proprio sullo stile de “La donna che visse due volte” di Hitchcock. Ma oltre al suo amore implicito per il cinema dell’epoca, Brooks instillerà nel proprio film anche quel tocco magico che più gli è congeniale: quella strizzatina d’occhio allo spettatore che non può mancare, e che in questo caso è rivolta dall’uomo dietro la telecamera, che nel maneggiarla e riprendere i personaggi di “Alta tensione” ne disturberà la quiete di una cena o di un riposo pomeridiano, rompendo maldestramente i vetri dell’Istituto.

Voto dell’autore:4 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Eva Barros Campelli (vedi tutti)

Loading...