Asterix e Obelix al servizio di sua maestà - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da evitare
sulla base di 1 voto/i
2.30/5

Asterix & Obelix al servizio di sua Maestà

RANKING
2472° su 2562 in Generale
428° su 453 in Commedia
20121 h 50 min
Trama

Nel 50 A.C. Giulio Cesare e la sua legione romana sono sempre più potenti e invadono qualsiasi paese incontrino sulla loro strada. Il generale romano decide di attaccare una piccola isola situata a Nord: la Britannia. La Regina manda quindi il fidato Beltorax a chiedere aiuto in un piccolo villaggio di Galli dove Asterix e Obelix, accompagnati dalla magica pozione e dal giovane Goudourix, sono chiamati a partire per una nuova missione…

Metadata
Regista Laurent Tirard
Titolo originale Astérix & Obélix - Au service de Sa Majesté
Data di uscita 10 Gennaio 2013
Nazione FranciaSpagnaItaliaUngheria
Durata 1 h 50 min
Trailer
Asterix e Obelix al servizio di sua maestà

“Asterix & Obelix al servizio di sua maestà” è il quarto capitolo cinematografico della serie a fumetti creata da Uderzo e Goscinny, questa volta affidato alla regia di Laurent Tirard, che sceglie di portare sullo schermo e raccontare l’album “Asterix e i Britanni” per provare a dare un’anima ad una serie che al cinema, al di fuori del successo in Francia, nel resto del mondo ha collezionato finora solamente dei flop colossali. Ancora una volta nei panni del goffo e potentissimo Obelix troviamo uno spento e in fase calante Gérard Depardieu, che paradossalmente sembra essere fuori posto. Probabilmente scelto per l’ennesima volta per il ruolo grazie alla sua notorietà commerciale a livello internazionale e alla simil-fisicità con il personaggio, il buon Gérard appare meccanicamente mal inserito in un contesto che di certo non lo aiuta, ma al quale nemmeno lui dà un grande supporto.

La trama, anche in questo caso, si conferma inconsistente, e nel proseguo del film non troviamo traccia neppure di una buona comicità che possa rendere la pellicola degna di una qualche risata, se non in un pubblico adulto, almeno per quanto riguarda quello infantile. Ricorrono invece molto spesso degli imbarazzanti tentativi e dei metodi scadenti di far nascere un sorriso sulla bocca degli spettatori, con il risultato di trascinare mestamente il film verso il finale, con l’unico triste, famoso e ridondante “divertimento” di vedere legionari romani catapultati in cielo dai colpi di Obelix.

Nel bel mezzo di un cast imbottito di validi attori francesi, chiamati ad interpretare egregiamente, bisogna riconoscerlo, il classico ruolo stereotipato del britannico (varie apparizioni di attori nostrani, tra cui citiamo Filippo Timi e Luca Zingaretti), fra patetici intrighi amorosi e insipide litigate coniugali ed esistenziali tra Asterix e Obelix, si fa largo lo straordinario talento di uno dei più grandi interpreti francesi, Fabrice Luchini, anche lui totalmente fuori posto ma per altri motivi: un attore del suo calibro è doveroso apprezzarlo in ben altre pellicole.

Voto dell’autore:2.3 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Davide Sica (vedi tutti)

Loading...