Babbo Bastardo 2 - Recensione

Voto staff filmedvd

Film considerato da evitare
sulla base di 1 voto/i
2.20/5

Babbo Bastardo 2

RANKING
2185° su 2246 in Generale
370° su 388 in Commedia
20161 h 27 min
Trama

Alimentato da whiskey a buon mercato, avidità e odio, Willie Soke fa squadra ancora una volta con il suo piccolo aiutante arrabbiato, Marcus Skidmore, per svaligiare un ente di beneficenza di Chicago alla vigilia di Natale.

Metadata
Regista Mark Waters
Titolo originale Bad Santa 2
Data di uscita 7 dicembre 2016
Nazione Stati Uniti
Durata 1 h 27 min
Trailer

Il cinema è rimasto più volte affascinato dalla figura di Babbo Natale ma, fino al 2003, ancora non era arrivato a dissacrarla completamente. “Babbo Bastardo” di Terry Zwigoff proponeva il peggior Babbo Natale che si potesse immaginare: sessuomane, scassinatore, con un’infanzia difficile ed un rapporto scorbutico e sgarbato verso i bambini, impersonato da un impagabile Billy Bob Thornton. Il gradimento del pubblico fu alto ed il sequel divenne quasi inevitabile: sorprende solo che sia arrivato alla fine nel 2016, ben 13 anni più tardi. Davanti a queste operazioni fuori tempo massimo ci si pone spesso in maniera diffidente: l’idea che si stia per ingoiarsi qualcosa di pretestuoso, realizzato giusto per rimettere in pista personaggi e situazioni di successo, serpeggia fin dai titoli di testa, soprattutto se lo spettatore ha dato un’occhiata all’accoglienza fatale della critica americana. Però a volte ad una pellicola si chiede solo qualche gustosa risata e niente di più.

Peccato che “Babbo Bastardo 2” faccia molto fatica a garantire anche il minimo sindacale del caso: gli attori di per sé risultano abbastanza ispirati, ma tutto quello che li circonda non funziona a dovere. La sceneggiatura appare carente in quanto a creatività ed originalità, e finisce per ricalcare spesso quello che era già stato raccontato nel primo film, in maniera (allora sì) inedita. Tutto sa di una minestra riscaldata che ci saremmo risparmiati volentieri; anche le idee di per sé promettenti e quasi spiazzanti, come riproporre il bambino del primo film in maniera quasi identica, nonostante i 13 anni di più, finisce nel vuoto di un canovaccio che non riesce mai a suscitare interesse, in un film di cui non si vede l’ora di arrivare alla fine. Da salvare solo il primo quarto d’ora e, visto il contesto, le generose interpretazioni, ma sicuramente non dobbiamo aspettarci un terzo episodio.

Voto dell’autore:2.2 / 5

The following two tabs change content below.
Chi sono? Bella domanda sicuramente meglio della risposta che vi riporto di seguito. Sono un ragazzo di 32 anni di professione Ingegnere, appassionato soprattutto di cinema e che ha trovato nel collezionare i Dvd il più naturale sfogo alla sua passione. Nel tempo libero non c'è attività che superi il guardarmi un bel film sopra una comoda poltrona (forse solo una partita di calcetto).

Ultimi post di Manuel Celentano (vedi tutti)

Loading...