Battleship - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 1 voto/i
2.80/5

Battleship

RANKING
2187° su 2562 in Generale
106° su 133 in Fantascienza
20122 h 11 min
Trama

Nel 2005 la NASA vara il Progetto Beacon, con l'ambizioso scopo di stabilire un possibile contatto con il più vicino pianeta capace di ospitare la vita, il Pianeta G, dove potrebbe abitare una razza intelligente. Sette anni dopo, nel 2012, la razza aliena che abita il Pianeta G giunge sulla Terra con una flotta esplorativa, il cui scopo è gettare le basi per una futura invasione; tuttavia, poiché il loro sistema di comunicazione rimane danneggiato durante l'atterraggio a causa dell'urto con un satellite, gli alieni decidono di servirsi del centro di comando del Progetto Beacon, situato nelle Hawaii, e per impedire agli umani di ostacolare il piano innalzano un potente campo magnetico tutto attorno alle isole, il cui dispositivo, situato su una gigantesca piattaforma oceanica, è protetto da tre potenti navi da guerra.

Metadata
Regista Peter Berg
Titolo originale Battleship
Data di uscita 13 Aprile 2012
Nazione U.S.A.
Durata 2 h 11 min
Attori
Cast: Taylor Kitsch, Alexander Skarsgård, Adam S. Gottbetter, Rihanna, Brooklyn Decker, Tadanobu Asano, Liam Neeson, Gregory D. Gadson, Hamish Linklater, Jesse Plemons, John Tui, Jerry Ferrara, David Jensen, Peter Berg, Adam Godley, Rico McClinton, Joji Yoshida, Stephen Bishop, Austin Naulty, James Rawlings, Dustin J. Reno, Rick Hoffman, Gary Grubbs, Jesse Plemons, Rami Malek, Peter MacNicol, Louis Lombardi, Norman Vincent McLafferty, Dante Jimenez, Daven Arce, Ralph Richardson, Biunca Love, Jordan Kirkwood
Trailer
Battleship

Nella smania di portare sul grande schermo qualsiasi cosa possa appassionare il pubblico anche al di fuori del cinema, la macchina milionaria di Hollywood si è imbattuta in uno dei giochi da tavola più famosi e popolari, ovvero la battaglia navale. Solo che, nel caso di “Battleship”, le navi da affondare una dopo l’altra sono reali, e a scontrarsi non sono due persone davanti ad un tavolo, ma bensì la marina militare americana e una flotta aliena venuta a trovarci per conquistare e colonizzare il nostro mondo, come sempre accade. Insomma, il riferimento al gioco sta giusto nel titolo, visto che ci troviamo davanti ad un classico blockbuster a tema “invasione aliena”.

Peter Berg, il buon regista de “Il tesoro dell’Amazzonia” e di “Hancock”, ha avuto dalla Universal la bellezza di 200 milioni di dollari per dar vita a questo giocattolo cinematografico che ha come unica attrattiva, tanto per essere chiari fin da subito, la spettacolarità degli scontri armati ricreati con un largo uso di effetti visivi. Per il resto c’è davvero poco degno di nota: i protagonisti sono come sempre persone alla ricerca di riscatto, che puntualmente alla fine trovano; gli alieni hanno due gambe e due mani, ma soprattutto molte abitudini umane, come quella di cercare di uccidere gli avversari a suon di sberle, sebbene abbiano a disposizione le armi più letali; il finale poi non lascia alcun tipo di malessere fra i personaggi, ai quali in fondo serviva solo un’invasione aliena per rinsavire.

Molti momenti sono delle autentiche “americanate” abbastanza gratuite, con Berg che cerca di salvarsi spesso ricorrendo all’ironia (ma non sempre ci riesce). Qualche idea non è male, come le strambe armi aliene a forma di trottola, ma la vicenda è davvero troppo forzata per agevolare quel minimo di sospensione dell’incredulità necessaria a creare coinvolgimento. Tutto fin troppo pilotato, ben oltre le molte navi che compaiono nella pellicola.

Voto dell’autore:2.8 / 5

The following two tabs change content below.
Chi sono? Bella domanda sicuramente meglio della risposta che vi riporto di seguito. Sono un ragazzo di 32 anni di professione Ingegnere, appassionato soprattutto di cinema e che ha trovato nel collezionare i Dvd il più naturale sfogo alla sua passione. Nel tempo libero non c'è attività che superi il guardarmi un bel film sopra una comoda poltrona (forse solo una partita di calcetto).

Ultimi post di Manuel Celentano (vedi tutti)

Loading...