Crimson Peak - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 2 voto/i
2.95/5

Crimson Peak

RANKING
2106° su 2562 in Generale
79° su 113 in Horror
20151 h 59 min
Trama

Nel Nord dell'Inghilterra di fine Ottocento, la giovane Edith Cushing è completamente slegata dal suo contesto storico e sociale: con una madre deceduta, una fervida immaginazione e forti aspirazioni letterarie, il suo si rivela un temperamento del tutto anticonformista. Per questo quando incontra Thomas Sharpe, che sembra esserle così affine, non tarda ad innamorarsene e ad accettare la sua proposta di matrimonio. Dopo la morte del padre Carter, Edith si trasferisce insieme al marito e alla sorella di lui, Lucille, nella dimora di Crimson Peak, dove verranno a galla inquietanti retroscena.

Metadata
Titolo originale Crimson Peak
Data di uscita 22 Ottobre 2015
Nazione Stati Uniti
Durata 1 h 59 min
Trailer

No trailer added for this movie.

Crimson Peak

In “Crimson Peak”, Guillermo del Toro sposa nuovamente la poetica del macabro contornato da uno spirito favolistico: così, dopo “La spina del diavolo” e “Il labirinto del fauno”, il cineasta messicano ritorna ad un andamento registico e strutturale molto simile, con un omaggio più sentito a H.P. Lovecraft, le cui composizioni visive e tematiche si riscontrano come specchio dell’assonanza tra i due autori. Tuttavia, il bilico sul quale del Toro è solito porre i suoi film più famosi, ovvero quello tra reale e immaginifico, umano e spettrale, portati ad una percettività tetra e quindi avvinghiante, qui non si addice del tutto al racconto; al contrario, tale duplicità trascina l’insieme nel melodramma, scomponendo l’agglomero di virtù che si era creato nei suoi precedenti lavori. L’inganno sviluppato contro la protagonista vorrebbe essere lo stesso volto allo spettatore, ma così non è: non c’è suspense, né rivelazione, il lato letterario è completamente subordinato all’atto visuale che, sottinteso, non può colmare le lacune filmiche per lasciar posto a una bella carrellata di fotografie. Il cinema non è solo immagine.

Le trame della storia non si intrecciano a sufficienza; e se il racconto a tinte gotiche, strisciante nell’osservazione degli eventi da ogni angolo della dimora di Crimson Peak, dal profondo del giacimento di argilla rossa (con interessante forza simbolica) alla presenza dei fantasmi, ad un passato di macabre perversioni, potrebbe anche intrigare il pubblico, la sceneggiatura non svolge adeguatamente il suo compito, facendo precipitare il film nel pallido dramma di un triangolo sentimentale / amoroso tra i personaggi di Mia Wasikowska, Tom Hiddleston e Jessica Chastain. La firma d’autore di Guillermo del Toro, ovvero quel gioco perfetto tra sfondo e primo piano, storie a margine e storia principe, è in questo caso una macchia inconsistente, che tenta di rifarsi con banalità sceniche, caricate all’estremo di una farsa che non illude né tantomeno spaventa. La vicinanza del regista al genere fiabesco, e al ruolo speculare conferito alla dimensione reale, in “Crimson Peak” non danno il loro meglio, ma lasciano spazio all’eco lontana delle precedenti opere di del Toro: l’unico raggiro efficace di una pellicola smarrita tra flebili allegorie.

Voto dell’autore:2.4 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Chiara Cerza (vedi tutti)

Loading...