Don Jon - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 2 voto/i
2.75/5

Don Jon

RANKING
2256° su 2562 in Generale
379° su 453 in Commedia
20131 h 30 min
Trama

Jon Martello frequenta discoteche e da buon fanatico dell’aspetto fisico va sistematicamente in palestra. Soprannominato dagli amici Don Jon, proprio per la sua capacità di rimorchiare ogni week-end una donna diversa, perde presto la testa per la “bella fica” di turno, la bomba sexy Barbara Sugarman, ragazza vecchio stampo che crede negli amori romantici tipici dei film hollywoodiani, film con i quali annoia Jon. I due iniziano una relazione, Jon la presenta alla sua famiglia e ad un allupato genitore, poi la perde a causa della sua dipendenza dal porno. Il ragazzo proprio non riesce a farne a meno, almeno fino a quando non incontrerà l’anticonformista e curiosa Esther , la quale sembra farlo maturare più della Chiesa che frequenta per imposizioni familiari.

Metadata
Titolo originale Don Jon
Data di uscita 28 Novembre 2013
Nazione Stati Uniti
Durata 1 h 30 min
Attori
Cast: Joseph Gordon-Levitt, Scarlett Johansson, Julianne Moore, Tony Danza, Glenne Headly, Brie Larson, Rob Brown, Jeremy Luke, Paul Ben-Victor, Italia Ricci, Lindsey Broad, Amanda Perez, Sarah Dumont, Sloane Avery, Loanne Bishop, Arin Babaian, Arielle Reitsma, Rizwan Manji, Eva Mah, Nina Agdal, Jason Burnham, Johnny Ferrara, Tiffany Pulvino, Olia Voronkova, Sonni Brown, Antoinette Kalaj, Arayna Eison, Becky O'Donohue, Elena Kim, Tanya Mityushina, Craig Marks, Anne Hathaway, Channing Tatum, Meagan Good, Cuba Gooding Jr., Alexis Texas, Sunny Lane, Devon, Cheyne Collins, Aletta Ocean, Kayden Kross, Jenny Hendrix, Anita Blond, Damien Michaels, Tori Black, Manuel Ferrara, Rebeca Linares, Mia Malkova, Jynx Maze, Dani Daniels, Isis Taylor, Bree Olson, Selena Rose, Bree Daniels, Gia Grace, Missy Stone, Stoya, Mark Ashley
Trailer
Don Jon

Joseph Gordon-Levitt scrive, dirige e interpreta da protagonista “Don Jon”, una commedia spensierata e senza tante pretese sul tema dell’eterno dongiovannismo e sulla dipendenza dal porno in un’epoca in cui le persone sono tramutate in oggetti di piacere con estrema facilità. Il film sovrappone una delle classiche storie d’amore ad una tutto sommato tollerante riflessione sul potere dei media, che offrono sempre più spesso status symbol da seguire da imitare. Dietro a questi spunti forse il più interessante, come sostiene anche l’autore / attore, è l’idea di mettere assieme un maniaco del porno con una fanatica dei film romantici, innescando tutta una serie di equivoci, presenti in misura maggiore rispetto alle canoniche gag (che tuttavia non vengono risparmiate nelle prime battute del film), utili a rendere godibile una storia che altrimenti sarebbe risultata insipida.

Tuttavia non sono molto all’altezza del soggetto i dialoghi, con i quali la penna di Gordon-Levitt si misura in maniera ancora brusca, anche se tutto sommato conforme al vissuto dei superficiali protagonisti del film. Il merito della riuscita complessiva di “Don Jon” risiede invece nella sua riconoscibile irriverenza di base: non tanto per come tratta il tema cardine della storia, vale a dire quello della dipendenza dal porno, ma nel modo in cui ci giocherella, per parlarci in realtà della difficoltà di crescere secondo la propria indole naturale, che è ciò che rende costruttiva una relazione, e non secondo le etichette imposte da un’era in cui i media hanno finito per condizionare pesantemente la vita di tutti, specie dei più giovani.

La pellicola riesce a non risultare impudente nelle sue sottili invettive, decide di affrontare il sarcasmo confessionale (da Chiesa cattolica) con pungente ironia e impacchetta ogni cosa dentro una regia disinvolta e un montaggio a tratti estroso. La passione per la regia del bravo attore ha radici adolescenziali (a 21 anni Joseph Gordon-Levitt iniziò a girare e montare i suoi primi filmati con final cut), e ce lo dimostra attraverso un film lineare, semplice ma non sciocco, accattivante il giusto, sboccato quel che basta. La sceneggiatura giusta di un puntuale esordio.

Voto dell’autore:3.3 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Federico Mattioni (vedi tutti)

Loading...