Dracula untold - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 2 voto/i
2.50/5

Dracula Untold

RANKING
2282° su 2477 in Generale
22° su 24 in Fantasy
20141 h 32 min
Trama

Vlad III di Valacchia è un grande condottiero conosciuto con il nome di Lord Impalatore. Riuscito a ribellarsi all’esercito turco e a formare un regno proprio, ora Vlad deve proteggere il suo popolo dalle imponenti armate dei turchi, intenzionati a prendere dei giovani della Transilvania da arruolare nelle loro fila. Per trovare la forza necessaria a combattere, Vlad stringe un patto con una misteriosa creatura demoniaca che lo trasformerà in qualcosa di invincibile e spaventoso: un vampiro.

Metadata
Regista Gary Shore
Titolo originale Dracula Untold
Data di uscita 30 ottobre 2014
Nazione Stati Uniti
Durata 1 h 32 min
Attori
Cast: Luke Evans, Sarah Gadon, Dominic Cooper, Art Parkinson, Charles Dance, Diarmaid Murtagh, William Houston, Noah Huntley, Ronan Vibert, Zach McGowan, Ferdinand Kingsley, Joseph Long, Thor Kristjansson, Jakub Giersza?, Dilan Gwyn, J.J. Murphy, Paul Kaye
Trailer
Dracula untold

“Dracula untold” fa parte di quelle pellicole che prendono un mito letterario e cinematografico e lo riadattano secondo i canoni del cinema spettacolare, il più delle volte senza particolare rispetto per la materia trattata. L’ultimo di questo “genere” è stato il pessimo “I, Frankenstein”, e ora a tornare nuovamente sugli schermi è il conte Dracula. In “Dracula untold” infatti il regista Gary Shore, al suo film d’esordio, vuole raccontare le origini dell’uomo dietro il celeberrimo vampiro, e come il guerriero Vlad divenne il famigerato conte e a quale prezzo. Da questo punto di vista, “Dracula untold” rappresenta un riadattamento action-fantasy che c’entra molto poco con il mito di Dracula.

Vlad, impersonato da Luke Evans, è un guerriero coraggioso e spietato (ha ucciso molti innocenti e pare non aver alcun rimpianto in proposito), che per amor di patria stringe un accordo con un antico demone (interpretato da Charles Dance, il Tywin Lannister de “Il trono di spade”) fino a trasformarsi in una creatura assettata di sangue. Nonostante un tono serioso e atmosfere dark, “Dracula untold” non crede fino in fondo a quanto racconta e di rimando fatica a coinvolgere ed appassionare lo spettatore. Vlad, da uomo e guerriero di grande forza, diventa una sorta di supereroe incattivito, in lotta più con se stesso che non con i propri avversari. Questa guerra interiore del protagonista è la parte più interessante del film, con un accenno (non molto approfondito) all’idea che la mostruosità sia già dentro gli esseri umani, senza bisogno di una trasformazione esteriore.

Ovviamente il discorso è abusatissimo e non c’è ombra di maledettismo, ma si tratta dell’unico elemento d’interesse offerto da “Dracula untold”. Perché il regista Gary Shore è alle prime armi e si nota: le scene d’azione sono dirette malissimo e alcuni ralenti e soggettive sono un pugno sugli occhi. Insomma, ci si deve aspettare molto poco da una pellicola come “Dracula untold”, ennesimo giocattolone di Hollywood (il capostipite fu “Van Helsing”) che rovina un personaggio iconografico tentando la via dell’originalità, ma senza riuscire a trovare alcun vero motivo d’interesse. E con il senno di poi, per quello che narra e per come lo narra, “Dracula untold” risulta fin troppo cupo, mentre se avesse scelto di cavalcare il ridicolo avrebbe avuto quasi più senso.

Voto dell’autore:2 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Riccardo Tanco (vedi tutti)

Loading...