Hudson Hawk - Il mago del furto - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 2 voto/i
2.75/5

Hudson Hawk - Il mago del furto

RANKING
2256° su 2562 in Generale
76° su 99 in Azione
19911 h 40 min
Trama

Eddie Hawkins, detto comunemente Hudson Hawk, esce dal carcere dopo aver scontato dieci anni di condanna per furto, deciso a non mettersi in condizione di tornare in prigione. E' infatti ritenuto il più grande ladro acrobata del mondo, ed è molto temuto, ma anche ammirato per la sua perizia, e quindi molto richiesto da chi ha in programma di realizzare un colpo grosso. Non passa perciò molto tempo prima che una coppia di eleganti malviventi, Darwin e Minerva Mayflower, desiderosi di ritrovare una macchina capace di tramutare il piombo in oro impiegando l'energia solare e i sali alchemici, si rivolgano a Eddie come al migliore dei ladri professionisti…

Metadata
Regista Michael Lehmann
Titolo originale Hudson Hawk
Data di uscita 9 Dicembre 2019
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 40 min
Attori
Cast: Bruce Willis, Danny Aiello, Andie MacDowell, James Coburn, Richard E. Grant, Sandra Bernhard, David Caruso, Frank Stallone, Donald Burton, Don Harvey, Andrew Bryniarski, Lorraine Toussaint, Burtt Harris, Carmine Zozzora, Stefano Molinari, Enrico Lo Verso, Remo Remotti, Giselda Volodi, P. Randall Bowers, Arthur M. Wolpinsky, Frank Page, Robert Vazquez, Michael Klastorin, Scott H. Eddo, John Savident, Lisa Matthews, John Lucantonio, Antonino Juorio, Courtenay Semel, Massimo Ciprari, Douglas Brian Martin, Steven M. Martin, Leonardo Cimino, Giangiacomo Colli, Frank Welker, William Conrad
Trailer

No trailer added for this movie.

Hudson Hawk - Il mago del furto

“Hudson Hawk”, film di Michael Lehmann del 1991 che prende il nome dal suo protagonista, un ladro pieno di ironia e talento per i furti interpretato da Bruce Willis, non ha certo una bella carta d’identità: costato 65 milioni di dollari (fra le location compare anche la nostra capitale) ne incassò solo 17, inguaiando la TriStar Pictures, che fu costretta a fondersi con la Columbia; inoltre ricevette critiche tutt’altro che entusiasmanti, confermando così il totale fallimento dell’operazione. In effetti questa commedia demenziale ricca d’azione, nata da un’idea dello stesso Willis, è alquanto strampalata e lascia molte perplessità.

Il primo problema sta in un plot quasi inesistente, che tende a rompere il capo dello spettatore senza però portare a niente di interessante. Le premesse non mancano di brio, con l’introduzione prima della vicenda di una misteriosa macchina per ottenere l’oro e dopo dello strambo e simpatico protagonista che sarà costretto a rubarla. Peccato però che da ciò fuoriesca una serie vorticosa di sequenze action, gag paradossali e personaggi cartooneschi mai opportunamente legati fra loro, e che il buon umore che traspare dallo spettacolo non può salvare. Certo qualche risata scappa, ma manca il coinvolgimento emotivo, con una mancanza totale di credibilità che non è ripagata da un lauto divertimento.

Il cast di per sé non è male, e Willis fa pressappoco il medesimo ruolo de “L’ultimo boyscout”, solo che lì aveva a disposizione un copione con un minimo di senso ed un gran numero di memorabili battute che qui latitano. La pellicola trova un po’ di forza solo nel finale, quando la trama smette di essere arzigogolata e propone un semplice confronto ricco di azione fra il nostro eroe ed i cattivi di turno. La fotografia è di Dante Spinotti.

Voto dell’autore:2.5 / 5

The following two tabs change content below.
Chi sono? Bella domanda sicuramente meglio della risposta che vi riporto di seguito. Sono un ragazzo di 32 anni di professione Ingegnere, appassionato soprattutto di cinema e che ha trovato nel collezionare i Dvd il più naturale sfogo alla sua passione. Nel tempo libero non c'è attività che superi il guardarmi un bel film sopra una comoda poltrona (forse solo una partita di calcetto).

Ultimi post di Manuel Celentano (vedi tutti)

Loading...