Indovina chi viene a cena? - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 3 voto/i
4.37/5

Indovina chi viene a cena?

RANKING
64° su 2562 in Generale
3° su 241 in Sentimentale
19671 h 48 min
Trama

Joanna Drayton, una ragazza appartenente ad una famiglia altoborghese di San Francisco, torna a casa insieme al suo nuovo fidanzato, John Prentice, un medico afroamericano conosciuto durante una vacanza alle Hawaii. Matt e Christina, i genitori di Joanna, attendono con gioia l’arrivo della figlia, ma rimangono estremamente sorpresi quando la ragazza gli presenta il loro futuro genero…

Metadata
Regista Stanley Kramer
Titolo originale Guess Who's Coming to Dinner
Data di uscita 2 Aprile 1968
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 48 min
Attori
Cast: Spencer Tracy, Sidney Poitier, Katharine Hepburn, Katharine Houghton, Isabel Sanford, Alexandra Hay, Cecil Kellaway, Beah Richards, Roy Glenn, Virginia Christine, Barbara Randolph, D'Urville Martin, Tom Heaton, John Hudkins, Natalie Core, Timothy Scott, Jacqueline Fontaine, June Whitley Taylor
Trailer

No trailer added for this movie.

Indovina chi viene a cena?

Fino al giungo del 1967, l’anno dell’uscita nelle sale cinematografiche del film “Indovina chi viene a cena?”, i matrimoni interraziali erano ancora illegali in ben diciassette stati americani. La pellicola in questione, diretta dal maestro del cinema liberal Stanley Kramer (il regista de “La parete di fango”), toccava dunque un argomento considerato tabù da buona parte dell’opinione pubblica, andando a colpire il nervo scoperto del razzismo in una società in cui la questione dei diritti dei neri era più che mai aperta. Il responso verso il film, forse proprio in virtù delle importanti tematiche trattate, fu comunque entusiastico: 56 milioni di dollari al botteghino nazionale (il terzo maggior incasso dell’anno), con oltre 40 milioni di spettatori negli Stati Uniti, e due premi Oscar su un totale di dieci nomination: uno come miglior attrice per Katharine Hepburn ed un altro per la sceneggiatura, firmata da William Rose.

“Indovina chi viene a cena?” rappresenta inoltre la nona ed ultima collaborazione sullo schermo di una delle coppie più amate di Hollywood, Katharine Hepburn e Spencer Tracy, i cui rispettivi personaggi nel film (i coniugi Christina e Matt Drayton) sono uniti in un ménage venato da commoventi echi autobiografici (nella vita privata, Tracy e la Hepburn furono legati per ben 25 anni). Per Spencer Tracy, che all’epoca aveva 67 anni ed era già gravemente malato, fu l’ultima interpretazione della sua lunga carriera (il mitico attore morì pochi giorni dopo la fine delle riprese), ma anche uno dei suoi ruoli più intensi e memorabili: non a caso le sequenze migliori del film vedono protagonisti proprio Tracy e la Hepburn, impegnati in magistrali duetti di bravura dai quali trapela appieno la straordinaria sintonia della coppia. E come si può rimanere insensibili di fronte all’indimenticabile monologo conclusivo pronunciato dal personaggio di Matt Drayton? Un appassionato apologo sul diritto alla felicità di ciascun essere umano che ancora oggi riesce a far vibrare le corde del cuore di ogni spettatore.

Animato da un sincero spirito progressista declinato secondo i toni della commedia di costume, il film di Stanley Kramer sa coniugare felicemente l’intento pedagogico (la sua sempiterna lezione sui valori della tolleranza e dell’uguaglianza) con il coinvolgimento per la storia narrata, mettendo in scena lo spinoso tema dei pregiudizi razziali con garbo ed intelligenza. L’eccellente copione è poi servito da una squadra d’attori di prim’ordine: oltre al già citato Spencer Tracy, sono da ricordare pure Sidney Poitier nel ruolo di John Prentice, l’inappuntabile fidanzato che mette in crisi le convinzioni liberal dei coniugi Drayton, e l’esordiente Katharine Houghton (nella realtà nipote della Hepburn) nella parte di Joanna. Senza dimenticare, ovviamente, una meravigliosa Katharine Hepburn, capace di regalare al proprio personaggio una tenerezza ed un trasporto emotivo davvero senza pari: il suo sguardo finale per Tracy, traboccante d’amore e di lacrime, vale da solo più di mille parole.

Voto dell’autore:4.5 / 5

The following two tabs change content below.
Loading...