Il sito è ancora in fase di aggiornamento, i contenuti della vecchia piattaforma verranno ripristinati al più presto. Vi chiediamo di pazientare.

Intruders

Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 2 voto/i
2.60/5

Intruders

RANKING
1356° su 1496 in Generale
63° su 77 in Horror
20111 h 40 min
Trama

Hollowface è leggenda. L’uomo senza faccia si aggira per le piovose strade di Madrid, Segovia e Londra, alla ricerca del viso giusto da strappare al volto di un’infanzia trascorsa sotto le coperte. Parallelamente, il piccolo Juan e l’adolescente Mia vengono perseguitati dalle visite di questo oscuro uomo nero. John e Susanna Farrow, genitori di Mia, sono piuttosto scettici riguardo le presunte apparizioni, ma presto dovranno ricredersi. Le vite stesse delle due famiglie saranno a rischio, ma qualcuno sa, conosce la reale entità del “mostro”.

Metadata
Titolo originale Intruders
Data di uscita 27 gennaio 2012
Nazione U.S.A.Gran BretagnaSpagna
Durata 1 h 40 min
Attori
Cast: Clive Owen, Carice van Houten, Ella Purnell, Ella Hunt, Imogen Gray, Daniel Brühl, Pilar López de Ayala, Izán Corchero, Héctor Alterio, Adrian Rawlins, Michael Nardone, Mark Wingett, Kerry Fox
Trailer
Intruders

Gli “intrusi” sono coloro i quali scompaginano le normali direttive nonché le consuetudini delle famiglie modello che i film intrisi di buoni sentimenti non esitano mai nel raccontare. Juan Carlos Fresnadillo, regista spagnolo, nel film “Intruders” ammicca al suo connazionale Jaume Balagueró (vedi “Darkness”), dentro una regia convulsa e priva di degne atmosfere di genere, concentrando la propria sceneggiatura su una visione intimamente familiare, più drammatica e favolistica che di pura tensione horror. L’uomo nero si vede a malapena, è fatto perlopiù di pixel e non fa mai paura.

La metafora del diseredato non acchiappa le attenzioni e non tiene il ritmo, continuamente disturbato da precipitose apparizioni e da improbabili scontri. Il filo narrativo, il nesso logico, vengono totalmente a mancare, e l’interesse iniziale nei confronti del soggetto scema gradualmente in un ibrido insipido e ripetitivo. Non salvano il film né un Clive Owen in ribasso né la splendida Carice van Houten (la protagonista di “Black book”). Gli altri attori spagnoli (il film è una co-produzione fra Spagna e Gran Bretagna) svolgono il compitino come da copione, mentre non dispiace solo il sacerdote Daniel Brühl. Persino il presunto momento di svolta non dà una sterzata credibile al film, afflosciando qualsivoglia direzione coerente della storia.


Voto dell’autore:2.9 / 5

Loading...