Le paludi della morte - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 3 voto/i
3.53/5

Le paludi della morte

RANKING
1372° su 2562 in Generale
68° su 153 in Thriller
20111 h 45 min
Trama

Il detective Mike Sounder lavora nella squadra omicidi della polizia di Texas City ed è affiancato dal detective Brian Heigh, trasferito di recente da New York. I due poliziotti indagano sull’omicidio di una ragazza del luogo, il cui cadavere è stato rinvenuto in un’ampia area paludosa nei pressi della città, conosciuta come Texas killing fields; ma ben presto, il misterioso assassino torna a colpire…

Metadata
Regista Ami Canaan Mann
Titolo originale Texas Killing Fields
Data di uscita 15 Giugno 2012
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 45 min
Trailer
Le paludi della morte

Due detective della polizia impegnati a dare la caccia ad un feroce serial-killer che rapisce e massacra giovani donne senza un’apparente motivazione. “Le paludi della morte”, seconda prova da regista di Ami Canaan Mann, figlia del grande regista Michael Mann (che partecipa al film in qualità di produttore), si rifà ad un filone molto in voga nel cinema americano, ma apportandovi un significativo contributo in termini di stile, di maestria registica e di capacità di creare atmosfere di estrema suggestione. Realizzato con un modesto budget, presentato al Festival di Venezia del 2011 e passato del tutto inosservato negli Stati Uniti (troppo sofisticato, forse, per il palato del pubblico americano?), “Le paludi della morte” conferma il talento di questa figlia d’arte che sembra aver ereditato la medesima vena dell’illustre padre.

Sam Worthington e Jeffrey Dean Morgan sono i convincenti interpreti di Mike Sounder e Brian Heigh, una coppia di detective che, nonostante le fragilità e i tormenti personali, si fanno portatori di un’integrità morale non sempre facile da preservare, soprattutto se si vive in un territorio in cui far rispettare la legge sta diventando sempre più arduo. Ad aiutarli nelle indagini è la loro grintosa collega Pam Stall (Jessica Chastain), ex-moglie di Mike, disposta a mettere da parte i rancori personali per contribuire alla cattura dell’assassino dei Texas killing fields, ovvero quella “terra di nessuno”, a breve distanza da Texas City, nella quale dal 1969 sono stati rinvenuti i corpi senza vita di oltre cinquanta donne vittime di violenze. E proprio l’agghiacciante fama di questi “campi della morte” texani ha costituito lo spunto dal quale il giornalista Don Ferrarone ha tratto la sceneggiatura alla base del film della Mann.

Immerso nell’atmosfera brumosa e inquietante della provincia texana, magistralmente fotografata da Stuart Dryburgh, “Le paludi della morte” non si limita a ricalcare i canonici cliché di tanti film sui serial-killer, ma utilizza l’intreccio poliziesco per elaborare una disincantata riflessione sulla deriva etica dei nostri tempi, tanto più evidente in un luogo in cui la giustizia pare aver perso ogni significato, e in cui il Male non esita a colpire perfino le creature più innocenti. Realizzata con un ammirevole equilibrio fra azione, suspense ed introspezione psicologica, evitando inutili sensazionalismi, la pellicola della Mann può contare anche su un cast molto efficace, nel quale si distingue la quattordicenne Chloë Grace Moretz, una delle giovanissime attrici più dotate di Hollywood.

Voto dell’autore:3.8 / 5

The following two tabs change content below.
Loading...