Molly's game - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 3 voto/i
3.70/5

Molly's game

RANKING
966° su 2477 in Generale
383° su 701 in Drammatico
20172 h 20 min
Trama

Molly Bloom, ex-campionessa di sci acrobatico, è costretta ad abbandonare lo sport a causa di un incidente durante una gara. La giovane donna si trasferisce così a Los Angeles e in breve tempo inizia a gestire il più esclusivo giro di gioco d'azzardo al mondo, diventando la principessa del poker…

Metadata
Regista Aaron Sorkin
Titolo originale Molly's Game
Data di uscita 19 aprile 2018
Nazione Stati UnitiCina
Durata 2 h 20 min
Attori
Cast: Jessica Chastain, Idris Elba, Kevin Costner, Michael Cera, Jeremy Strong, Chris O'Dowd, Bill Camp, Samantha Isler, Piper Howell, Brian d'Arcy James, J.C. MacKenzie, Graham Greene, Matthew D. Matteo, Joe Keery, Natalie Krill, Claire Rankin, Madison McKinley, Khalid Klein, Victor Serfaty, Jon Bass, Angela Gots, Michael Kostroff, Elisa Moolecherry, Chris Owens, Robert B. Kennedy, Mary Ashton, Morgan David Jones, Joseph Brooks, Mariah Owen, Duane Murray, Bo Martyn, Todd Thomas Dark, David Lafontaine, Frank Falcone, Timothy Mooney, Linette Doherty, Stephanie Purpuri, Whitney Peak, Melanie Hubert, Vladimir Tsyglian, Ross Carter, Chris Boyle, Josh Smitheram, Rachel Skarsten, Ari Cohen, Bruno Verdoni
Trailer
Molly's game

Il celebre sceneggiatore Aaron Sorkin debutta dietro la macchina da presa con “Molly’s game”, un film ispirato al memoir di Molly Bloom del 2014, “Molly’s game – The true story of the 26-year-old woman behind the most exclusive, high-stakes underground poker game in the world”. “Molly’s game” racconta la storia di una donna brillante e carismatica: da campionessa ribelle in una famiglia di sportivi del Colorado a signora del poker clandestino a Los Angeles e New York. Il primo film di Sorkin è affascinante e irregolare, grondante dialoghi serrati e monologhi corposi, in un concentrato di tutto il repertorio del talento sincopato e folgorante dello sceneggiatore di “The social network” e “Steve Jobs”. Eppure il suo script è a tal punto prevaricante che finisce per penalizzare una regia con pochi guizzi, e che risulta oscurata anche in quei frangenti in cui Sorkin lascia intravedere delle buone potenzialità dietro la macchina da presa.

Il peso del film, insomma, è poggiato quasi del tutto sulle parole e sulle meravigliose interpretazioni di Jessica Chastain e Idris Elba, quest’ultimo nei panni dell’avvocato Charley Jaffey, l’unico a credere a una donna piena di fragilità e contraddizioni, come ogni essere umano, e ben diversa dall’immagine di potente manipolatrice descritta dalla stampa. Jessica Chastain dà prova del suo infinito carisma in ogni frame in cui appare, costruendo il suo personaggio a strati, con sottile magnetismo: da un ambiente familiare di rigida anaffettività alla crescente scaltrezza e senso per gli affari, facendosi largo nel mondo del gioco d’azzardo clandestino. La verbosità a tratti eccessiva del testo diventa paradossalmente lo scoglio del film, ciò che tradisce Sorkin, vittima di un eccessivo carico di contenuti, passando da citazioni ingegnose a eccessive pedanterie. “Molly’s game” sfiorerebbe l’esercizio di stile se non fosse per alcune battute funzionali, sferzanti e ironiche, e per un cast pregevole anche nei ruoli di contorno, dall’ambiguo Michael Cera al problematico Chris O’Dowd. Un esordio altalenante per Aaron Sorkin, non privo di fascino ma indubbiamente acerbo dal punto di vista registico e sbilanciato in fase di scrittura; l’impressione è che l’evoluzione dietro la macchina da presa sia appena all’inizio.

Voto dell’autore:3.4 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Davide Sica (vedi tutti)

Loading...