Questione di tempo - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 5 voto/i
4.24/5

Questione di tempo

RANKING
145° su 2562 in Generale
7° su 126 in Fantastico
20132 h 04 min
Trama

All’età di 21 anni, la sera dopo l’ennesima insoddisfacente festa di Capodanno, Tim Lake viene informato da suo padre che tutti gli uomini della famiglia hanno sempre avuto la capacità di viaggiare nel tempo. Tra questi anche Tim, che però, come gli altri, non può cambiare la storia, ma solo ciò che accade ed è accaduto nella sua vita. Ed è così che, senza nemmeno rifletterci troppo, il giovane decide che renderà il mondo un posto migliore trovando la ragazza giusta per sé. L’impresa si dimostra tuttavia più difficile del previsto; finché un giorno, dopo essersi trasferito a Londra per svolgere un tirocinio da avvocato, Tim incontra la bellissima e insicura Mary…

Metadata
Regista Richard Curtis
Titolo originale About Time
Data di uscita 7 Novembre 2013
Nazione Gran Bretagna
Durata 2 h 04 min
Attori
Cast: Rachel McAdams, Bill Nighy, Domhnall Gleeson, Tom Hollander, Margot Robbie, Lindsay Duncan, Lee Asquith-Coe, Vanessa Kirby, Lisa Eichhorn, Lydia Wilson, Matthew C. Martino
Trailer
Questione di tempo

Scritta e diretta dal regista neozelandese Richard Curtis, “Questione di tempo” è la nuova, imperdibile commedia romantica inglese dello stesso cineasta che in qualità di sceneggiatore ci aveva già regalato, in passato, alcune delle pietre miliari del genere quali “Quattro matrimoni e un funerale”, “Notting Hill”, “Il diario di Bridget Jones” e il più recente “Love actually”. Interpretato da Domhnall Gleeson (figlio dell’attore Brendan) e Rachel McAdams, il film si avvale di una sceneggiatura dal taglio intimista e di una fotografia lucente, firmata non a caso da John Guleserian (già direttore della fotografia dello splendido “Like crazy”); e, con magistrale ricchezza di spirito, interseca temi semplici e al contempo importanti come quelli del primo amore, del matrimonio, della famiglia e delle numerose perdite cui ogni persona normale va incontro nell’arco della propria vita, orchestrandoli e imprimendoli nella mente dello spettatore anche grazie a una toccante colonna sonora composta da Nick Laird-Clowes (autore delle musiche di “Gioventù violata”).

Verosimilmente ispirato al rapporto di Richard Curtis con suo padre nella vita reale, “Questione di tempo” è infatti in grado di portare sullo schermo l’esistenza di un personaggio (più che altro una persona) normalissimo a 360 gradi, raccontando la storia di Tim (Domhnall Gleeson) in un arco temporale piuttosto vasto e dividendola pertanto tra le vicende legate alla sua famiglia d’origine e quelle inerenti invece la famiglia che andrà ad acquisire, con il tempo, insieme al vero amore della sua vita, l’adorabile e timida Mary (Rachel McAdams). Sin dai primi minuti del film possiamo accorgerci allora di ciò che funziona davvero nella sua chimica di base, vale a dire la tenerezza, l’ironia e la profonda umanità che caratterizzano l’intero intreccio narrativo senza mai sfiorare soltanto il ridicolo o il dramma vero e proprio, ma al contrario miscelando bene tutta una serie di raffinati elementi dall’impronta sentimentale.

Tornato perciò ai fasti dello humour tutto inglese di “Quattro matrimoni e un funerale” e “Notting Hill”, e altresì capace di sorprenderci attingendo al nuovo secolo con l’incredibile serenità di chi è leggermente sbilanciato verso il futuro nell’attesa di trovarci sempre qualcos’altro di valido e di buono, Richard Curtis riprende da dove aveva cominciato e dirige una pellicola in grado di confermare – e anzi raddoppiare – il suo talento creativo. Ed è inutile specificare come, in tal contesto, Tim e Mary sembrerebbero destinati a catturare il nostro cuore tanto quanto la figura, imprescindibilmente deliziosa, del padre del primo, interpretato in maniera altrettanto sublime dall’eterno bambino Bill Nighy, con il quale Curtis aveva già collaborato per “Love actually” e lo spumeggiante film musicale “I love Radio Rock”. Divertente, delicato e rassicurante assieme, “Questione di tempo” diventerà in conclusione e per forza di cose il film che vorrete vedere e rivedere con i vostri cari, e sarà impossibile non affezionarsi al calore assolutamente umano di una Gran Bretagna di nuovo neo-candidata a paradiso delle commedie sentimentali.

Voto dell’autore:4.8 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Eva Barros Campelli (vedi tutti)

Loading...