Resident Evil - Apocalypse - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da evitare
sulla base di 2 voto/i
2.10/5

Resident Evil: Apocalypse

RANKING
2511° su 2562 in Generale
93° su 99 in Azione
20041 h 38 min
Trama

Nel laboratoro segreto dell'Umbrella Corporation, detto l'Alveare, è stato diffuso il Virus T, un'invenzione nata per scopi medici ma trasformata poi in arma batteriologica: rianima i morti, trasformandoli in zombie affamati di carne umana, e può provocare mutazioni nei vivi. Alice, agente di sorveglianza, e Matt, ambientalista, gli unici due sopravvissuti, riescono a fuggire e a sigillare l'Alveare, ma vengono catturati dagli scienziati dell'Umbrella e usati come cavie per esperimenti.

Metadata
Regista Alexander Witt
Titolo originale Resident Evil: Apocalypse
Data di uscita 5 Novembre 2004
Durata 1 h 38 min
Attori
Cast: Milla Jovovich, Sienna Guillory, Oded Fehr, Thomas Kretschmann, Sophie Vavasseur, Razaaq Adoti, Jared Harris, Mike Epps, Sandrine Holt, Matthew G. Taylor, Zack Ward, Iain Glen, Dave Nichols, Stefan Hayes, Geoffrey Pounsett, Shaun Austin-Olsen, Geny Walters, Megan Fahlenbock, Robert Morelli, Aaron Abrams, Chris Benson, Martin Martinuzzi, Brad Borbridge, Frank Chiesurin, Ron Benjamin, Kevin Hare, Heather Dick, Alex Courey, John Detoro, Billy Khoury, Sava Drayton, Nicole Ann St. Hill, Ricardo Betancourt, Ted Ludzik, Michelle Latimer, Catherine Burdon, Rebecca Sims, Christopher Weedon, Billy Parrott, Derek Aasland, Richard Harte, Simon Girard, Dean Copkov, Jeff White, Tim Burd, Natalie Charles, Pierre Henry, Jim Codrington, Deborah Valente, Malcolm Fiddick, Malcolm Xerxes, Michy Gustavia, Shane Mackinnon, Ed Fielding, Stephen R. Hart, Sandi Stahlbrand, Christopher Marren, Tom Gerhardt, Amber Marshall, Venice Grant, Ana Danilina, Ingrid Johansson, Jeffrey Weedon, Melanie Tonello, Annabel Chu, Joey Jefferson, Heather Braaten, Joey Beck, Eric Morgan, Gene Pyrz, Torquil Colbo, Joan Moore, Peter C. Wylde, Garry Geddes, Dionne Renee, Janessa Crimi, Dan Ellery, Sharon Moore, Jo Chim, Bobby Prochaska, Jazz Mann, Larissa Gomes, Gregory White, Roman Podhora, Brian King, Rob Hall, Eric Mabius
Trailer
Resident Evil - Apocalypse

Se da una parte “Resident Evil” aveva dalla sua il fatto di non essere caduto nell’errore di voler riproporre su grande schermo quanto già visto su console, il sequel “Resident Evil – Apocalypse”, diretto da Alexander Witt, si comporta in maniera opposta, cercando di trasporre, in modo disastroso, il terzo capitolo della serie videoludica.

Disastroso principalmente per due motivi: innanzitutto perché si danno per scontate troppe cose note solo ai videogiocatori (a partire dal perché Jill Valantine sembri conoscere un po’ troppo questi zombie che si aggirano per la città), e in secondo luogo perché si cerca di portare su grande schermo le dinamiche di un media completamente differente, fatto per essere vissuto in modo personale su un’estensione temporale ben più ampia e, soprattutto, più interattiva. Non parliamo poi della delusione nel vedere una Jill Valantine forse troppo risoluta rispetto a quella mostrata nel videogioco, e la presenza ossessiva (quasi al limite della scocciatura) di Milla Jovovich, che sembra stare lì solo per dire “Io sono la chiave per il prossimo sequel e quindi dovete sopportarmi fino alla fine”. Quasi banalizzata anche la presenza del temibile Nemesis, avversario attorno a cui si costruisce tutto il terzo episodio del videogioco, che in questa pellicola viene considerato un semplice burattino nelle mani della Umbrella Corporation. L’atmosfera che si respira in tutto il film, infine, fa più pensare ad un film di Carpenter in stile “Fuga da New York” piuttosto che ad un horror. Anzi, ad essere più precisi, questo “Resident Evil” di horror non ha proprio niente, non riuscendo a produrre un minimo di paura.

In breve, pellicola sprecata. Si salva solo la sequenza in cui Nemesis, dopo una discreta strage di agenti, urla “STARS”, unico istante che può esaltare un appassionato del terzo episodio del videogame. Ma per soli tre secondi di film considerabili interessanti, si può benissimo puntare a qualche altro titolo di spessore culturale ben più elevato.

Voto dell’autore:1.9 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Teo (vedi tutti)

Loading...