The Truman Show - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 4 voto/i
4.25/5

The Truman Show

RANKING
128° su 2562 in Generale
4° su 126 in Fantastico
19981 h 43 min
Trama

Truman Burbank, un trentenne apparentemente normale, ignora di essere il fulcro di uno spettacolo televisivo, il Truman Show, incentrato sulla sua stessa vita, ripresa in diretta sin dalla nascita, quando Truman fu prelevato da una gravidanza indesiderata. L'isolotto su cui abita, Seahaven, è infatti un gigantesco studio televisivo creato dal regista Christof, che appare come un diabolico burattinaio.

Metadata
Regista Peter Weir
Titolo originale The Truman Show
Data di uscita 20 Settembre 2019
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 43 min
Attori
Cast: Jim Carrey, Laura Linney, Noah Emmerich, Natascha McElhone, Ed Harris, Holland Taylor, Brian Delate, Blair Slater, Heidi Schanz, Ron Taylor, Don Taylor, Ted Raymond, Peter Krause, O-Lan Jones, Krista Lynn Landolfi, Paul Giamatti, Harry Shearer
Trailer

No trailer added for this movie.

The Truman Show

È oramai qualche anno che la TV si interessa molto di più alla vita delle persone normali che non a quelle delle star: è la cosiddetta formula dei reality show, parola oramai consunta da miriadi di programmi televisivi di questo stampo in cui non sembra mai esserci fine al peggio. Profetico in tal senso è stato “The Truman Show” di Peter Weir, grande successo cinematografico del 1998 che, attraverso una storia paradossale, ha mostrato chiaramente la pericolosità della mistura fra fiction e vita reale masticata dai mass media, anche se al paradosso ideato dallo sceneggiatore di “Gattaca”, Andrew Niccol, fortunatamente non siamo ancora arrivati.

Truman Burbank è una persona nata e cresciuta all’interno di un enorme set televisivo ma completamente ignaro di tutto ciò: un prigioniero-star inconsapevole che la propria vita è sotto gli occhi di mezzo mondo e, soprattutto, che è del tutto artificiosa. Finché il gioco regge non sembrano esserci problemi né morali né etici per Truman, per il creatore dello show e per gli spettatori, ma evidentemente tenere una vita in una gabbia, seppur “dorata”, è cosa impossibile, poiché l’uomo è preda di istinti come la vorace curiosità o più semplicemente l’amore, che non sembra falsificabile; e difatti Truman si renderà conto di tutto ciò che ruota attorno a lui. Niccol sviscera questo marasma di concetti e riflessioni a catena attraverso un impianto narrativo che funziona egregiamente, e che risulta sempre coinvolgente grazie alla naturale empatia che proviamo per Truman e per la fascinazione nei confronti della diabolica messa in scena del carrozzone del Truman Show.

Insomma, “The Truman Show” è uno di quei soggetti che colpiscono subito e che hanno avuto la fortuna di essere sviluppati dalle persone giuste, in primis il grande regista de “L’attimo fuggente” Peter Weir che, con l’apporto di una delle migliori interpretazioni di Jim Carrey, riesce a mettere calore umano laddove lo script di Niccol rischiava di risultare freddo e meccanico. Belle le musiche di Philip Glass per un’opera che ha perfettamente messo a fuoco il problema dell’invadenza televisiva della nostra epoca, che falsifica e appiattisce le esistenze. In fondo la vita può essere brutta o bella ma non ha spessore se non è reale, ed è questo a spingere Truman al di là del mondo che gli era stato costruito intorno.

Voto dell’autore:4.3 / 5

The following two tabs change content below.
Chi sono? Bella domanda sicuramente meglio della risposta che vi riporto di seguito. Sono un ragazzo di 32 anni di professione Ingegnere, appassionato soprattutto di cinema e che ha trovato nel collezionare i Dvd il più naturale sfogo alla sua passione. Nel tempo libero non c'è attività che superi il guardarmi un bel film sopra una comoda poltrona (forse solo una partita di calcetto).

Ultimi post di Manuel Celentano (vedi tutti)

Loading...