Tornando a casa per Natale - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 1 voto/i
3.10/5

Tornando a casa per Natale

RANKING
1930° su 2562 in Generale
630° su 732 in Drammatico
20101 h 30 min
Trama

Un uomo si traveste da Babbo Natale per rivedere la ex moglie e i figli senza essere riconosciuto. Un vecchio asso del calcio alcolizzato vuole tornare a casa per le vacanze. Una donna crede che l'amante sposato lascerà finalmente la moglie dopo Natale. Uno studente finge che la famiglia protestante non festeggi il Natale per stare con la graziosa compagna di classe musulmana. Una coppia serbo-albanese dal passato oscuro è chiusa in un cottage isolato.

Metadata
Regista Bent Hamer
Titolo originale Hjem til jul
Data di uscita 3 Dicembre 2010
Nazione NorvegiaSveziaGermania
Durata 1 h 30 min
Attori
Cast: Nina Andresen Borud, Trond Fausa Aurvåg, Arianit Berisha, Joachim Calmeyer, Levi Henriksen, Cecile Mosli, Igor Necemer, Tomas Norström, Ingunn Beate Øyen, Kai Remlow, Morten Ilseng Risnes, Fridtjov Såheim, Sarah Bintu Sakor, Isaka Sawadogo, Kristine Rui Slettebakken, Reidar Sørensen, Nadja Soukup, Kyrre Haugen Sydness, Nina Zanjani
Trailer
Tornando a casa per Natale

Diretto dal regista norvegese Bent Hamer (“Factotum”), “Tornando a casa per Natale” è un agrodolce insieme di piccole storie ambientate in un paesino scandinavo durante le vacanze natalizie. Il materiale di partenza è una selezione di racconti brevi del norvegese Levi Henriksen, “Only soft presents under the tree”, che danno alla pellicola una struttura piuttosto episodica, priva di quella smania di collegare a tutti i costi le singole vicende narrate, anche se qualche incrocio non manca.

Il risultato finale non è purtroppo dei più incisivi ed il film scorre via in maniera troppo flebile, lasciando solo un vago senso di tristezza generale. La maggioranza dei personaggi non ha il giusto spazio per poter emergere completamente e diverse situazioni rimangono come abbozzate. In alcune, a dire il vero, si fa fatica a trovare qualcosa di interessante ed originale (tipo la storia dei due amanti, rivista già mille volte), ed è un peccato perché altre invece, come quella dedicata al medico e ai due kosovari, hanno un loro perché. Inoltre, in termini più globali, si sente l’assenza di qualche tematica o messaggio che faccia da collante al tutto.

Alla fine comunque il regista riesce a trovare una chiusura del cerchio dignitosa, lasciandoci con l’inquadratura su una bellissima aurora boreale che riempie il cuore di speranza. Discreti anche il cast e la cornice nordica della pellicola, composta da lande innevate. In ogni caso, da un’opera che ha fatto tanti kilometri per arrivare da noi ci si poteva aspettare qualcosa di più.

Voto dell’autore:3.1 / 5

The following two tabs change content below.
Chi sono? Bella domanda sicuramente meglio della risposta che vi riporto di seguito. Sono un ragazzo di 32 anni di professione Ingegnere, appassionato soprattutto di cinema e che ha trovato nel collezionare i Dvd il più naturale sfogo alla sua passione. Nel tempo libero non c'è attività che superi il guardarmi un bel film sopra una comoda poltrona (forse solo una partita di calcetto).

Ultimi post di Manuel Celentano (vedi tutti)

Loading...