Una donna fantastica - Recensione


Voto staff filmedvd

Film considerato da vedere
sulla base di 2 voto/i
3.85/5

Una donna fantastica

RANKING
641° su 2492 in Generale
264° su 706 in Drammatico
20171 h 40 min
Trama

Marina Vidal è una giovane donna legata sentimentalmente a Orlando, un uomo di vent'anni più grande. La sua fragile felicità si interrompe la sera in cui il suo grande amore, muore all'improvviso: da quel momento la natura transgender di Marina la metterà di fronte ai pregiudizi della società in cui vive. La donna è però forte e coraggiosa e si batterà con tutta se stessa per difendere i propri sentimenti e la propria identità.

Metadata
Titolo originale Una mujer fantástica
Data di uscita 19 ottobre 2017
Nazione CileSpagnaGermaniaStati Uniti
Durata 1 h 40 min
Trailer
Una donna fantastica

Mentre la Gloria del film del 2013 balla e sorride sulle note della famosa canzone omonima di Umberto Tozzi, liberando l’energia di una donna quasi sulla sessantina travolta dalla bellezza della vita, Marina Vidal è in lotta, è arrabbiata e può contare sull’intensità grezza dei suoi giovani anni. Sono due storie diverse quelle raccontate dal regista Sebastián Lelio, già conosciuto per “La sagrada familia” (2006) e “Navidad” (2009), ma in entrambi i casi si avvalgono di strutture narrative incentrate sulla bellezza dell’essere e del sentirsi donna ai giorni nostri, nelle nostre società e in particolare in quella cilena, da cui il regista proviene. Sulle note di “(You Make me feel like) A natural woman” Marina, il cui nome maschile verrà pronunciato una sola volta nel corso del film, guida verso l’incontro che avrà con l’ex moglie del suo compagno Orlando, appena defunto. La voce della protagonista che canta sulle note del brano scritto da Carole King potrebbe sembrare un cliché: una transgender in lotta con il proprio corpo biologico e che cerca di sentirsi una donna nel modo più naturale possibile.

Ma non si tratta solo di questo: Lelio si addentra, così come aveva fatto con Gloria, nella testa di Marina, cercando di farne emergere paure, angosce e tensioni emotive. Vuole svelare il nocciolo della sua femminilità e metterlo a contatto con gli occhi degli altri personaggi, della società e dello spettatore, per sperimentare quali possano essere le diverse reazioni, quale tipo di empatia possa scaturire da un contatto così delicato. Quando Marina canta il pezzo di Carole King lo fa perché sa che sta per incontrare un’altra donna, quella che il suo compagna ha amato una volta e che ha lasciato: una donna che è naturalmente femmina, a differenza sua. Ma cosa vuol dire essere donna? Il regista gioca sul concetto di riflesso e di specchio, un po’ come Alfred Hitchcock con la sua Madeleine ne “La donna che visse due volte”, anche se di questi espedienti non ce n’è quasi bisogno: bastano gli occhi dei personaggi che circondano Marina per capire che la vera battaglia non è tanto una lotta interna, lo scontro tra l’essere uomo e il sentirsi donna. La vera battaglia è quella contro una società che fatica ad accettare e che disprezza con sguardo altezzoso ciò che non riesce a riconoscere, con il solo scopo di sfogarsi su capri espiatori.

Nonostante ciò Marina tiene la testa alta e controlla impeccabilmente le emozioni che vibrano nei propri occhi. Così fa sentire tutti dalla parte del torto: coloro che non digeriscono il suo essere poliedrica e ibrida, una chimera affascinante dalla voce bellissima, che di umano e femminile ha proprio tutto, soprattutto il cuore. La performance di Daniela Vega è perturbante: lasciano di stucco i momenti di puro e freddo coraggio, mentre quelli più intimi emozionano per delicatezza e silenzio. La verità è che la trama in sé racconta abbastanza poco, proprio perché è la protagonista a raccontare tutto. Da lei partono tanti quesiti: che significato ha il “diverso” per noi e perché lo temiamo così tanto da farcelo nemico? Un’ultima domanda riguarda invece il regista stesso e il suo intento di creare un film che definisce “trans-genere”: la difficoltà nel trattare un tema così delicato si avverte soprattutto nel rischio di cadere nei soliti cliché. Sebastián Lelio li aggira, a volte sfiorandoli – si pensi per esempio alla scena in cui Marina si vede riflessa in una lastra a specchio trasportata lungo la strada – e a volte proponendoli con efficaci tocchi estetici, sebbene sul piano narrativo rimanga qualche nodo da districare. L’empatia creata con Gloria rimane insuperabile; Marina in compenso ci si avvicina, perché anche lei è una donna dal fascino magnetico.

Voto dell’autore:3.9 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Luisa Colombo (vedi tutti)

Loading...