Il sito è ancora in fase di aggiornamento, i contenuti della vecchia piattaforma verranno ripristinati al più presto. Vi chiediamo di pazientare.

Viaggio in paradiso

Voto staff filmedvd

Film considerato passabile
sulla base di 3 voto/i
3.47/5

Viaggio in paradiso

RANKING
843° su 1397 in Generale
15° su 52 in Azione
20121 h 35 min
Trama

Messico. Mentre la polizia di frontiera lo sta inseguendo a tutta velocità, con un corpo sanguinante e una sacca piena di soldi sul sedile posteriore, Driver capovolge la sua auto varcando il muro di confine, precipita violentemente e atterra giusto di fronte alle autorità messicane, che lo arrestano all’istante. Entrerà così nello strano e infernale mondo di “El Pueblito”, una prigione locale in cui un gringo come lui non è di certo il benvenuto. Per sua fortuna, però, giungerà in suo aiuto qualcuno che sa decisamente il fatto suo: un ragazzino di dieci anni, spalle curve e muso imbronciato...

Metadata
Regista Adrian Grunberg
Titolo originale Get the Gringo
Data di uscita 1 giugno 2012
Nazione U.S.A.
Durata 1 h 35 min
Attori
Cast: Mel Gibson, Peter Stormare, Dean Norris, Bob Gunton, Kevin Hernandez, Daniel Giménez Cacho, Jesús Ochoa, Dolores Heredia, Peter Gerety, Roberto Sosa, Mario Zaragoza, Gerardo Taracena, Tenoch Huerta, Fernando Becerril, Scott Cohen
Trailer
Viaggio in paradiso

C’è qualcosa di maledettamente tragicomico e retrò in un film che comincia con la scelta sfortunata di un protagonista in fuga. Sarà forse quella nota un po’ dark un po’ blues tipica degli action movie anni ’80, con le loro auto ammaccate e tuttavia ancora in grado di saltare da un ponte mobile all’altro come la Dodge di Jake & Elwood, ma “Viaggio in paradiso” di Adrian Grunberg sembra voler rigiocare con una certa grazia e una bella sfrontatezza sulle tematiche che furono care alle commedie d’azione vecchio stile, unendo black humor e drammi da sparatorie nella più tipica delle maniere.

Scritto a sei mani da Mel Gibson e co-sceneggiatori (Adrian Grunberg e Stacy Perskie), prodotto e interpretato dallo stesso attore che ci regalò i personaggi di Martin Riggs nella serie “Arma letale” e di Rick Jarmin in “Due nel mirino”, “Get the Gringo” – questo il titolo originale e maggiormente emblematico della pellicola – se la cava abbastanza bene grazie alla padronanza con cui mescola passato e presente ad una trama solida e intuitiva, che ci porta sin dall’inizio a simpatizzare con il provetto antieroe della situazione. Se c’è una cosa che riesce particolarmente bene a questo Gibson nel film, difatti, è proprio quella di trascinarci giù con lui nel buco messicano in cui viene rinchiuso, tra rapide estorsioni e altre trovate d’ingegno per poterne uscire vivo, ma prim’ancora quella di farci tuffare nei suoi pensieri dal primissimo istante in cui facciamo la sua conoscenza. La prima scena, d’altronde, resta memorabile: lui e il suo compagno di rapina indossano una maschera da clown, il primo schiaccia il piede sull’acceleratore mentre la pancia della vettura svetta a duecento all’ora e innalza un bel polverone di terra, e il secondo sputa sangue sul borsone di soldi incastrato tra due sedili. Un paio di minuti, magari tre, che annunciano il piccolo grande esperimento di attore e regista, e non è probabilmente un caso se a orchestrare il tutto è l’esordiente Adrian Grunberg, ex aiuto regista di “Traffic”, “Man on fire”, “Apocalypto” e “Fuori controllo”, nonché affezionato assistente dello stesso Mel Gibson.

Sparatorie, incendi, mano leste e delinquenti d’ogni tipo sono tutto ciò che si può trovare a “El Pueblito”, in perfetta tradizione messicana secondo i film di Sam Peckinpah o i romanzi di Edward Bunker, in una storia brillante e funzionale che non lascia l’amaro in bocca ma che anzi ci regala un’oretta e mezza molto ben spese. Il personaggio di Driver, scatenato e neo-romantico come da copione, è un ritrovato Mel Gibson che, agile e smagrito, si presta meglio di prima al genere d’azione, con una profondità di sguardo e un occhietto sempre lucido e divertito che tradiscono, forse, un leggero sentore di piacere nel calarsi ex novo in una parte a lui cara. Dopotutto, “un tipo con un allineamento karmico” come il suo “non può che passare per qualche buca”.


Voto dell’autore:3.5 / 5

Loading...