Wonder Woman - Recensione

Voto staff filmedvd

Film considerato da evitare
sulla base di 2 voto/i
2.15/5

Wonder Woman

RANKING
2219° su 2267 in Generale
101° su 104 in Fantastico
20172 h 21 min
Trama

La giovane Principessa Diana vive in un'isola segreta assieme alle Amazzoni, popolo di grandi donne guerriere il cui compito è mantenere pace ed equilibrio tra il loro mondo e quello degli uomini. Quando il pilota americano Steve Trevor giunge sull'isola dopo essere scampato ai soldati tedeschi e racconta loro della Prima Guerra Mondiale nel suo mondo, Diana decide di recarsi assieme a Steve nell'universo umano per porre fine al conflitto grazie ai suoi straordinari poteri.

Metadata
Regista Patty Jenkins
Titolo originale Wonder Woman
Data di uscita 1 giugno 2017
Nazione Stati Uniti
Durata 2 h 21 min
Trailer

Tratto dall’omonimo fumetto della DC Comics creato nel 1941 da William Moulton Marston, “Wonder Woman” è il primo adattamento cinematografico dedicato alla celebre eroina e il quarto film dell’universo cinematografico DC, iniziato con “L’uomo d’acciaio” e proseguito con “Batman v Superman – L’alba della giustizia” e “Suicide Squad”. Diretto dalla regista Patty Jenkins, il film vede nel ruolo di Wonder Woman l’attrice Gal Gadot, che riprende la parte dopo la sua comparsa in “Batman v Superman”. Dopo la celebre serie televisiva diventata cult e andata in onda dal 1975 al 1979 con l’attrice Lynda Carter nei panni di Wonder Woman, il personaggio si riscopre dunque sul grande schermo come parte integrante del tassello dell’universo filmico della DC, con Gal Gadot come nuova interprete della supereroina. La regista Patty Jenkins realizza un action fantasy d’avventura che si sposta tra l’isola Themyscira, luogo d’origine della protagonista, per poi muoversi nel mondo umano al tempo della Prima Guerra Mondiale.

Fin da subito però sul film grava una forte assenza di identità: l’estetica e l’immaginario dell’opera mischiano influenze di prodotti come la serie televisiva “Xena” e una visione patinata del primo conflitto mondiale, in un film che è vittima di una forte confusione nei toni da adottare, incerto tra ironia e una presunta seriosità, in una sorta di ibrido malriuscito che sembra voler imitare i film Marvel, cercando forzatamente momenti d’ironia e di leggerezza. E se la Jenkins si perde anche in vezzi di stile inutili, come continui ralenti e slow-motion durante le sequenze di battaglia, è purtroppo la sceneggiatura ad affossare “Wonder Woman” nella propria mediocrità, con una scrittura completamente priva di mordente ma allungata a dismisura e prevedibilmente didascalica nel suo svolgersi. Tra eventi e personaggi che dimostrano come neppure “Wonder Woman” sfugga alla logica da “pilota automatico” del cine-comic senza idee, pesa la mancanza di un villain quasi inesistente e lo scarso carisma della protagonista Gal Gadot (fra l’altro il film non sfrutta nemmeno l’evidente avvenenza fisica del personaggio). Così si assiste a un ennesimo blockbuster che gira attorno ai soliti poli: una poco avvincente storia di coraggio sull’importanza di seguire i propri ideali e di lottare per ciò in cui si crede e la conseguente nascita di una nuova eroina. Non se ne sentiva il bisogno, in attesa del prossimo cinefumetto.

Voto dell’autore:2.3 / 5

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Riccardo Tanco (vedi tutti)

Loading...