Genere Giallo

Breve descrizione del genere Giallo

Scheda film

Il giallo, definito in inglese mystery film (il termine italiano deriva dal colore della copertina dei primi libri gialli), è un genere cinematografico strettamente legato all’analogo genere letterario della mystery novel, contraddistinto da regole e convenzioni ben precise: nei gialli, infatti, la trama è sempre costruita attorno a un mistero (generalmente un omicidio o un’altra azione criminosa) sul quale indaga il protagonista. Una costante dei film gialli è il segreto sull’identità dell’antagonista (ovvero il colpevole), che il più delle volte viene svelata soltanto nel finale, aggiungendo così un elemento di attesa e di curiosità nel corso della visione; ed è proprio la suspense la caratteristica principale del mystery film, che lo rende perciò molto affine ad altri generi simili quali il thriller, il poliziesco ed il noir.

Nel cinema giallo, la suspense viene resa attraverso vari modi: lo stile registico, la colonna sonora, la scelta di determinate inquadrature e la presenza di colpi di scena nella trama. I gialli sono perlopiù pellicole dai costi contenuti, che non richiedono ambientazioni o ricostruzioni scenografiche troppo dispendiose, e di frequente sono tratti da opere letterarie; l’estrema attenzione riservata alla caratterizzazione del protagonista ha dato vita a veri e propri cicli di film basati sulle vicende dello stesso investigatore.

Il giallo come genere cinematografico compare fin da subito (le prime avventure di Sherlock Holmes sul grande schermo risalgono al 1903), ma ha avuto una diffusione particolarmente vasta negli Anni ’30, quando hanno riscosso una grande fortuna i film di Sherlock Holmes (in cui l’eroe creato da Arthur Conan Doyle era impersonato da Arthur Wontner e poi da Basil Rathbone), i gialli di Charlie Chan, con l’attore Werner Oland, e quelli di Nick e Nora Charles, la coppia nata dalla penna di Dashiell Hammett e interpretata sullo schermo da William Powell e Myrna Loy a partire da L’uomo ombra.

Negli Anni ’40, l’influenza del noir ha portato alla realizzazione di numerose pellicole sulle figure di investigatori privati quali Philip Marlowe e Sam Spade; il più noto interprete di questo tipo di ruoli è stato Humphrey Bogart, protagonista di classici quali Il mistero del falco e Il grande sonno, mentre negli Anni ’60 è stato Paul Newman a prestare il proprio volto al detective Harper. Una citazione speciale la merita Invito a cena con delitto, una spassosa parodia sui vari cliché di questo genere; tra gli esempi più recenti, invece, si segnala l’apprezzato giallo corale Gosford Park, di Robert Altman. Il più grande regista di mystery nella storia del cinema resta senza dubbio il mitico Alfred Hitchcock, insuperabile nel creare atmosfere ricche di suspense; fra i titoli più illustri della sua produzione gialla figurano La signora scompare, Io ti salverò, La finestra sul cortile, Caccia al ladro e Psyco.

La più popolare autrice di romanzi gialli di tutti i tempi, la scrittrice inglese Agatha Christie, è la specialista assoluta del whodunit, ovvero di quelle storie con un omicidio, un detective ed una serie di indiziati fra i quali si nasconde l’assassino. Nel corso degli anni, la Christie è stata fonte d’ispirazione per un’infinità di pellicole tratte dai suoi libri: le tre versioni di Dieci piccoli indiani, il dramma processuale Testimone d’accusa di Billy Wilder, i quattro film degli Anni ’60 con Margaret Rutherford nei panni di Miss Marple, e due famosissimi film degli Anni ’70 su Hercule Poirot: Assassinio sull’Orient-Express, con Albert Finney, e Assassinio sul Nilo, con Peter Ustinov.

Il mystery film ha sempre goduto di un ampio successo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna (patria del giallo classico), ma ha avuto un vasto seguito anche in Francia, con i vari adattamenti dei libri di Georges Simenon (con Jean Gabin nella parte del commissario Maigret) e titoli quali Finalmente domenica! di François Truffaut e 8 donne e un mistero di François Ozon, oltre ai numerosi gialli psicologici a sfondo borghese diretti da Claude Chabrol. In Italia, sebbene la tradizione del giallo non sia così radicata come in altri paesi, non mancano diversi esempi di questo genere, tra cui Un maledetto imbroglio di Pietro Germi e La donna della domenica di Luigi Comencini.

Guarda la classifica dei migliori film di Giallo

Film del genere Giallo in archivio

Sette note in nero

4.00/5

Una donna chiaroveggente, Virginia Ducci, ispirata da una visione, piccona una sezione di parete nella casa di campagna del marito Francesco e trova lo scheletro di una giovane donna. Insieme

Il paradiso degli orchi

3.60/5

Benjamin Malaussène, un uomo sulla trentina che mantiene i fratelli Louna, Thérèse, Jérémy e il Piccolo in un appartamento di Belleville, lavora presso i Grandi Magazzini di Parigi in qualità

La commare secca

3.70/5

Sulle sponde del Tevere viene rinvenuto il cadavere di una prostituta. La polizia indaga per fare luce sull’assassinio della donna e interroga cinque potenziali sospettati avvistati in un parco la

La scomparsa di Patò

3.30/5

Nella cittadina di Vigata, nella Sicilia del 1890, c’è grande fervore in attesa del “mortorio”, ovvero la rappresentazione della Passione di Cristo in occasione del Venerdì Santo. Come ogni anno,

Il corvo (1943)

4.15/5

In una piccola città della provincia francese il dottor Rémy Germain, un medico dal carattere severo e inflessibile, riceve una lettera anonima che lo accusa di avere una relazione clandestina

Il nome della rosa

3.77/5

Nord Italia, 1327. Il sapiente frate Guglielmo da Baskerville giunge insieme al giovane novizio Adso da Melk in un monastero benedettino sulle montagne per partecipare ad un concilio di francescani.

Il colore della menzogna

3.80/5

In un bosco nei pressi della città di Saint-Malo, in Bretagna, viene ritrovato il cadavere di Eloïse Michel, una bambina di dieci anni, violentata e poi strangolata. Il nuovo commissario,