Breve descrizione del genere Musicale

Scheda film

Nato in origine in ambito teatrale, il musical è un genere cinematografico tipicamente americano contraddistinto dal fatto che, nel corso della storia, i protagonisti del film si esibiscono in canzoni, balli e numeri musicali. Le canzoni sono dunque l’elemento portante del musical, in quanto assolvono una funzione fondamentale dal punto di vista narrativo e sono impiegate per esprimere gli stati d’animo dei personaggi. In generale, il musical è caratterizzato anche da un’estrema attenzione per quanto riguarda la messa in scena, con l’utilizzo di scenografie e costumi molto elaborati; la notevole cura per gli aspetti tecnici comporta quasi sempre costi di produzione particolarmente alti.

Nel teatro, i primi esempi di musical risalgono addirittura alla seconda metà dell’Ottocento, con rappresentazioni che univano la danza, il canto e la prosa. Ben presto, gli spettacoli di vaudeville riscossero una vasta popolarità presso il pubblico grazie alla possibilità di legare insieme diverse forme di espressione artistica, e all’inizio del ventesimo secolo il musical si impose come un genere predominante nei teatri di Broadway.

Al cinema, la nascita del musical è stata una diretta conseguenza dell’introduzione del sonoro alla fine degli Anni ’20. Il primo vero musical nella storia del cinema è La canzone di Broadway, del 1929, che ha ottenuto un grande successo e ha dato il via alla realizzazione di decine di pellicole dello stesso genere (fra cui Gold diggers of Broadway e Quarantaduesima strada) prodotte nell’arco di pochi anni, spesso in technicolor. Nel corso degli Anni ’30 e ’40, il musical viene consacrato come uno dei generi più amati dal pubblico, portando alla celebrità star come Fred Astaire e Ginger Rogers (Cappello a cilindro, Follie d’inverno), Judy Garland (Il mago di Oz, Le ragazze di Harvey, È nata una stella), Mickey Rooney (Ragazzi attori), Bing Crosby (La taverna dell’allegria), James Cagney (Ribalta di gloria), Frank Sinatra e Gene Kelly, protagonisti in coppia di Due marinai e una ragazza e Un giorno a New York.

Negli Anni ’50, il musical è rimasto uno dei generi più popolari di Hollywood con titoli quali Gli uomini preferiscono le bionde, Sette spose per sette fratelli, Bulli e pupe, Cenerentola a Parigi, Il re ed io e South Pacific. Il principale regista di musical di questo periodo è Vincente Minnelli, autore di classici come Incontriamoci a Saint Louis, Un americano a Parigi, Spettacolo di varietà e Gigi; alcune di queste pellicole sono state interpretare dall’attore Gene Kelly, protagonista anche del capolavoro Cantando sotto la pioggia, da lui stesso diretto.

Nel decennio successivo, sebbene l’avvento del rock & roll abbia segnato la fine dell’età d’oro del musical, il genere musicale è proseguito con film quali The Music Man, My fair lady di George Cukor e Oliver! di Carol Reed, oltre a due enormi successi diretti da Robert Wise: West Side Story e Tutti insieme appassionatamente. E proprio gli Anni ’60 e ’70 hanno visto l’affermazione di tre attrici / cantanti di fama mondiale: Julie Andrews (Mary Poppins, Tutti insieme appassionatamente, Victor / Victoria), Barbra Streisand (Funny girl, Hello, Dolly!, È nata una stella) e Liza Minnelli (Cabaret, New York, New York). A partire dagli Anni ’70, ad eccezione de Il violinista sul tetto di Norman Jewison, il musical classico ha ceduto il posto a pellicole più commerciali basate su colonne sonore in stile pop / rock: Jesus Christ Superstar, The Rocky Horror Picture Show, Tommy, Grease e Saranno famosi. In direzione del tutto opposta è andata l’opera di Bob Fosse, autore dei due massimi esempi di musical moderno: Cabaret e All that jazz.

Dopo due decenni di relativa oscurità, il genere musicale è tornato di moda a partire dai primi anni del 2000, grazie allo straordinario successo dei film Moulin Rouge di Baz Luhrmann e Chicago di Rob Marshall, oltre al più recente Mamma mia!. Al di fuori degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, invece, il musical non ha mai goduto di un’ampia risonanza, anche a causa dei suoi costi ingenti; rare e isolate le eccezioni, tra cui si segnalano almeno Les parapluies de Cherbourg del francese Jacques Demy e Dancer in the dark del danese Lars von Trier.

Guarda la classifica dei migliori film di Musicale

Film del genere Musicale in archivio

Ammore e malavita

3.40/5

Il boss della Camorra don Vincenzo Strozzalone, dopo aver subito un tentato omicidio da parte di un clan rivale, decide d'accordo con la moglie donna Maria di fingere la propria

Il fantasma del palcoscenico

3.80/5

Il talentuoso cantautore Winslow Leach riesce ad attrarre l’attenzione di Swan, il leggendario magnate dell’etichetta discografica Death Records, in procinto di inaugurare una nuova, prestigiosa sala concerti, il Paradise. Winslow

La La Land

4.80/5

Mia Dolan lavora in un café degli studios di Hollywood ed è affascinata dal mondo della recitazione. Sebastian Wilder è un musicista disoccupato che cerca di sostenere la sua idea

Sing Street

3.53/5

Irlanda, 1985: il giovane Conor Lalor vive a Dublino assieme ai genitori Robert e Penny e al fratello maggiore Brendan. Nonostante i problemi in famiglia e a scuola, dove è

Pitch perfect 2

2.75/5

Dopo aver vinto i campionati nazionali per tre anni di seguito, il gruppo di canto a cappella delle Barden Bellas è ormai famoso in tutto il paese. Durante un'esibizione per

Into the woods

Il film Disney Into the Woods è una rivisitazione in chiave moderna delle più amate fiabe dei fratelli Grimm, in cui si intrecciano le trame di alcuni racconti, per esplorare

Jersey boys

3.75/5

Francesco Castelluccio, detto Frankie, nato in una famiglia italiana a Newark, nel New Jersey, è dotato di eccezionali doti canore, tanto da essere ingaggiato come vocalist nel gruppo musicale composto

Voices

3.50/5

Beca Mitchell si è appena iscritta alla Barden University, nella facoltà in cui insegna anche suo padre, ma la vera aspirazione della ragazza è avere una carriera nel mondo della

Hello, Dolly!

4.00/5

New York, 1890. Dolly Levi, una vivace vedova che di professione fa la sodale di matrimoni, è determinata a farsi sposare da Horace Vandergelder, un ricco ma burbero mercante di

My fair Lady

4.10/5

Londra, 1912. Henry Higgins, uno stimato professore di glottologia, incontra un altro esperto di fonetica, il Colonnello Hugh Pickering, appena arrivato dall’India, e gli offre ospitalità nella propria casa. Il