"È solo la fine del mondo": l'edizione home-video del film di Xavier Dolan

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato della nuova edizione Blu-Ray di Mommy, il film più famoso di Xavier Dolan; nel frattempo, però, CG Entertainment ha portato sul mercato italiano anche la successiva pellicola del giovane regista canadese, il dramma familiare È solo la fine del mondo. Distribuito nelle sale italiane lo scorso dicembre grazie a Lucky Red, raccogliendo un buon successo di pubblico, È solo la fine del mondo è ora disponibile infatti in formato Dvd e Blu-Ray, in un’edizione essenziale che, oltre al film nelle opzioni audio originale e doppiata, include come extra il trailer cinematografico.

Tratto dall’omonima pièce teatrale di Jean-Luc Lagarce, È solo la fine del mondo è incentrato su un difficile “ritorno a casa”: quello di Louis (Gaspard Ulliel), un drammaturgo francese di 34 anni, omosessuale, che vive a Parigi e per la prima volta dopo 12 anni si prepara a riabbracciare la propria famiglia. Il viaggio di Louis ha uno scopo ben preciso: il ragazzo ha intenzione di rivelare ai suoi parenti di essere affetto da una malattia incurabile e che gli resta ormai poco tempo da vivere. Ma all’entusiasmo sopra le righe della madre Martine (Nathalie Baye) e all’affetto viscerale della sorella Suzanne (Léa Seydoux), eccitatissime all’idea di riallacciare i rapporti con Louis, farà da contraltare l’aperta ostilità di Antoine (Vincent Cassel), il suo fratello maggiore, sposato con la timida Catherine (Marion Cotillard) e attraversato da una rabbia che sembra costantemente sul punto di esplodere.

 

 

Alle prese con un testo densissimo che punta ad esasperare le tensioni fra i personaggi, Xavier Dolan si mette al servizio del suo superbo quintetto di comprimari, riuscendo a esaltarne al massimo grado l’espressività, e costruisce un’atmosfera claustrofobica ma pronta anche ad aprirsi a improvvisi squarci lirici, accompagnati da una soundtrack usata come al solito in maniera formidabile. Ricompensato con il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes 2016, È solo la fine del mondo ha diviso la critica, raccogliendo però un gran numero di elogi, e ha entusiasmato il pubblico soprattutto nei paesi francofoni, raccogliendo un milione di spettatori sul territorio francese.

Il film di Dolan ha vinto inoltre tre premi César per miglior regia, miglior attore (Gaspard Ulliel) e miglior montaggio e si è aggiudicato sei Canadian Screen Award in patria: miglior film, regia, attore supporter (Vincent Cassel), sceneggiatura adattata, fotografia e trucco. In questo periodo, invece, è in post-produzione il prossimo lavoro di Dolan, The death and life of John F. Donovan, il suo primo progetto in lingua inglese, che sarà portato in Italia sempre da Lucky Red; nell’attesa, l’uscita in home-video di È solo la fine del mondo ci offre un’ottima occasione per riapprezzare la potenza emotiva e l’affascinante messa in scena di uno dei migliori film dello scorso anno.