"Mommy": l'edizione Blu-Ray dell'emozionante film di Xavier Dolan

“I politici e gli scienziati non sono gli unici in grado di cambiare il mondo, ma anche gli artisti. Lo fanno da sempre. Non ci sono limiti alla nostra ambizione, eccetto quelli che poniamo a noi stessi e che ci pongono gli altri. Penso che tutto sia possibile per chi sogna, osa, lavora e non si arrende mai. E questo premio possa esserne la prova più splendente”. Così un provato e commosso Xavier Dolan concludeva il suo intervento alla cerimonia di chiusura della 67° edizione del Festival di Cannes, stringendo in mano il Premio della Giuria per Mommy, dramma esistenziale sul rapporto tra una madre single e un figlio adolescente affetto da disturbo dell’attenzione, e ad oggi ancora il suo film più celebre e celebrato.

Con l’edizione in Blu-Ray Disc appena distribuita da CG Entertainment (che due anni fa aveva già pubblicato Mommy anche in edizione Dvd) è possibile ascoltare per intero il discorso a Cannes di questo cineasta “ragazzino”, contenuto negli extra del disco: allora appena 25enne, Dolan con le sue parole colpì e folgorò l’intera platea e commosse la Jane Campion presidente di giuria, che il regista ha ricordato come una delle sue primarie fonti di ispirazioni. Tutta la passione, la verità, il coraggio emersi da quel discorso si possono ritrovare in Mommy: nell’intuito dimostrato per le scelte registiche, nello splendore di certe epifanie visive, nella padronanza di saper gestire attori e personaggi, temi e conflitti; ma anche nei limiti, nelle imperfezioni, sintomi sinceri di un talento grezzo, inesperto e pieno di fuoco come quello del giovanissimo enfant prodige originario del Québec.

 

 

Nel rapporto difficile e controverso tra Diane Després (Anne Dorval) e il figlio Steve (Antoine Olivier Pilon), iperattivo ed esplosivo nelle azioni ma anche nei sentimenti, che è al centro della storia del film, si inserisce la figura protettiva di Kyla (Suzanne Clément), la loro timida vicina di casa, e questo triangolo inusuale cercherà di trovare un equilibrio di pace e convivenza, soprattutto negli affetti, mentre procede, incerto e sospeso, sopra un filo di speranza: “I tre personaggi si completano, si fondono, diventando un solo personaggio, il personaggio principale di Mommy», dice il regista nell’intervista presente nei contenuti extra. Dolan ha a cuore i suoi personaggi, li attira a sé con la macchina da presa e li comprime dentro un formato ancor più stretto di un 4:3, mostrando una varietà illimitata di soluzioni linguistiche e donando al film una forma espressiva di assoluto valore: una qualità che il formato Blu-Ray restituisce nel modo più degno possibile.

Ad essere esaltate sono, in particolar modo, da un lato la fotografia di André Turpin, addirittura in misura maggiore nella pastosità di luce in cui immerge gli interni che nelle scene in esterna; e dall’altro lato le musiche, da sempre strumento principe nel cinema di Dolan per innescare esplosioni e folgorazioni visive, di colori, luci, sensazioni ed emozioni: “Ho voluto anche che la macchina da presa fosse leggera, che ci fosse della bontà nel film”. Oltre a quella al regista, nei contenuti speciali troviamo le interviste a Suzanne Clément e al giovane attore Antoine Olivier Pilon e inoltre una buona raccolta di scene tagliate: in particolare alcuni dialoghi tra Diane e Kyla e dei brevi tagli che anticipano il bellissimo finale del film, inquadrando Steve e sua madre nuovamente separati e soli, a ricercarsi nei pensieri e negli oggetti.

 

 

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Simone Santi Amantini (vedi tutti)