"Rogue One - A Star Wars story": la ribellione continua in home-video

In attesa di Star Wars – Gli ultimi Jedi, in arrivo il 13 dicembre nelle sale italiane, l’universo di Guerre stellari ci consente un avvincente tuffo nel “passato” dell’epica saga incentrata sullo scontro fra l’Impero Galattico e l’Alleanza Ribelle: Rogue One – A Star Wars story, spin-off ufficiale, ma anche un prequel rispetto alle vicende raccontate nel capostipite della serie, il mitico Guerre stellari di George Lucas del 1977. Uscito al cinema lo scorso dicembre riportando un gigantesco successo di pubblico (oltre un miliardo di dollari d’incasso in tutto il mondo e circa 100 milioni di spettatori), Rogue One è ora disponibile in edizione Dvd, Blu-Ray e Blu-Ray 3D grazie a Walt Disney Studios Home Entertainment.

Nel film, diretto da Gareth Edwards, l’attrice inglese Felicity Jones interpreta il ruolo di Jyn Erso, giovane combattente dell’Alleanza Ribelle e figlia di Galen Erso (Mads Mikkelsen), uno scienziato che 15 anni prima aveva contribuito alla realizzazione della potentissima stazione spaziale nota come Morte Nera: uno strumento micidiale attraverso il quale l’Impero Galattico punta ad imporre il proprio dominio sull’intera galassia, soffocando ogni tentativo di rivolta. La Morte Nera, però, potrebbe avere un “punto debole”, e per scoprirlo Jyn si assume l’incarico di recuperare i piani di progettazione della stazione, imbarcandosi così in una pericolosa missione insieme all’ufficiale Cassian Andor (Diego Luna) e a un piccolo gruppo di coraggiosi ribelli.

 

 

Opera animata da un profondo senso di dramma e da una modernità tutt’altro che scontata, Rogue One recupera diversi elementi della tradizione iconografica di Star Wars rileggendoli però in un’ottica decisamente personale, mediante i codici del war-movie, e innervandoli di un ritmo e di una tensione ben distinti rispetto allo stile del resto della saga (da questa prospettiva, Rogue One rivela un approccio complementare a quello adottato in Star Wars: Il risveglio della Forza, più vicino invece allo spirito del Guerre stellari di Lucas). L’edizione Blu-Ray di Rogue One, distribuita da Walt Disney, include al suo interno due dischi: il disco del film, con varie opzioni audio e i sottotitoli in numerose lingue, e un altro dedicato interamente ai contenuti extra.

Il Blu-Ray riprodice in maniera ottimale le qualità visive dell’opera di Gareth Edwards, con una perfetta definizione dell’immagine e dei dettagli, in grado di restituire anche sul piccolo schermo la spettacolarità della messa in scena e la cura di ogni singolo particolare nella ricostruzione dell’universo di Star Wars, basata ancora una volta sull’ausilio degli effetti speciali della Industrial Light & Magic. A proposito di effetti speciali, a richiamare grande attenzione è stata la presenza, in formato “digitale”, dei personaggi Grand Moff Tarkin e Leia Organa: grazie alla CGI sono stati ricreati infatti i tratti dei volti degli attori Peter Cushing, scomparso nel 1994, e della compianta Carrie Fisher, con la Principessa Leia che compare in un cameo nell’epilogo mozzafiato del film, un ideale “anello di congiunzione” con il primo Guerre stellari.

 

 

Il secondo disco presenta invece due contenuti extra, intitolati Connessioni Rogue e Le storie. Connessioni Rogue è una featurette di cinque minuti che pone in evidenza i principali richiami di Rogue One agli altri capitoli della serie cinematografica (e non solo), con curiosità, citazioni più o meno evidenti e personaggi che potremmo già aver incontrato in passato. Il contenuto speciale di maggior interesse è però Le storie: un documentario di quasi 70 minuti di durata, suddisivo in vari capitoli, in cui il regista Gareth Edwards e i membri del cast illustrano tutti gli aspetti della produzione di Rogue One e analizzano anche i suoi principali elementi tematici, a partire dalla caratterizzazione dei protagonisti e dalla connessione con la mitologia di Guerre stellari.

Nelle interviste che corredano il documentario Le storie, Felicity Jones racconta come si è calata nel ruolo di Jyn Erso e Diego Luna sottolinea l’importanza della varietà etnica e geografica degli attori del film per mettere in risalto il senso di “unione” dell’Alleanza Ribelle; a loro si aggiungono altre voci del cast, fra cui quelle di Ben Mendelsohn, Forrest Whitaker e Riz Ahmed, e il contributo della co-produttrice Kathleen Kennedy, la quale ha seguito di persona le varie fasi della lavorazione di Rogue One. Dagli aspetti tematici agli elementi spettacolari, Le storie punta dunque i riflettori sull’intenso lavoro dietro la creazione di un’opera così ambiziosa e imponente e il modo in cui questo capitolo “collaterale” si inserisce nel canone di quell’immensa space-opera chiamata Star Wars.