"The childhood of a leader": in Dvd il folgorante esordio di Brady Corbet

Uno dei titoli più originali ed ipnotici dello scorso Festival di Venezia, Vox Lux, superbo ritratto della società del nuovo millennio attraverso la parabola di una pop-star interpretata da Natalie Portman, è l’eccezionale opera seconda di uno dei giovani cineasti da non perdere di vista: perché ad appena 30 anni Brady Corbet, noto innanzitutto come attore, si preannuncia come uno dei potenziali grandi registi del prossimo futuro. Un talento, quello del cineasta nato in Arizona, già messo in evidenza nel suo formidabile film di debutto: The childhood of a leader – L’infanzia di un capo, finalmente disponibile in home-video in Italia grazie a CG Entertainment dopo un rapido passaggio nelle nostre sale.

Liberamente ispirato in parte all’omonimo racconto di Jean-Paul Sartre e in parte al romanzo Il mago di John Fowles, The childhood of a leader è stato presentato al Festival di Venezia 2015 nella sezione Orizzonti, ottenendo il premio per la miglior regia e quello per la miglior opera prima. L’azione si svolge nell’arco di pochi giorni nella primavera del 1919 nei pressi di Versailles, dove i rappresentanti delle grandi potenze mondiali sono impegnati a redigere il trattato che disegnerà i destini dell’Europa del primo dopoguerra. Fra gli uomini impegnati in questo compito c’è anche un diplomatico americano (Liam Cunningham), giunto in Francia insieme alla moglie (Bérénice Bejo) e al figlioletto Prescott (Tom Sweet, alla sua prima apparizione sullo schermo), del quale si occupa la giovane istitutrice Ada (Stacy Martin).

Attraverso la prospettiva di Prescott, intento a studiare i comportamenti degli adulti che lo circondano e a decifrare l’ambigua presenza di Charles Marker (Robert Pattinson), Brady Corbet costruisce un rigoroso dramma psicologico che, procedendo nel solco del cinema di Michael Haneke, gioca su sottili turbamenti e indefinibili inquietudini: e la tensione sprigionata dai rapporti fra i personaggi cresce in maniera graduale ma inesorabile fino all’esplosivo epilogo, con un raggelante colpo di scena che, nelle ultimissime sequenze, conferisce al film una prospettiva del tutto nuova. Del resto, gran parte dell’oscuro fascino di The childhood of a leader risiede proprio in questo: una pluralità di ingredienti, di livelli e di possibili letture, tale da renderlo un film magnificamente provocatorio. E la sua pubblicazione in Dvd costituisce l’occasione perfetta per riscoprire uno dei più stupefacenti esordi degli ultimi anni.

 

 

The following two tabs change content below.