Ci lascia Jacques Rivette, uno dei maestri della Nouvelle Vague

All’età di 87 anni, e prossimo a compierne 88, si è spento oggi uno dei più celebrati autori del cinema francese, Jacques Rivette, fra i padri fondatori e i maggiori teorici, all’inizio degli Anni ’60, di quello straordinario movimento conosciuto come Nouvelle Vague, insieme ai colleghi François Truffaut, Jean-Luc Godard, Eric Rohmer e Claude Chabrol, e nel frattempo anche critico per i prestigiosi Cahiers du Cinéma. Dopo una lunga carriera, segnata da frequenti sperimentazioni narrative e stilistiche, Rivette si era ritirato dal mondo del cinema nel 2009, e negli ultimi anni aveva sofferto del morbo di Alzheimer.

Nato a Rouen l’1 marzo 1928 e regista di diversi cortometraggi durante gli Anni ’50, Rivette aveva diretto il suo primo lungometraggio, Parigi ci appartiene, nel 1958, faticando però a trovare una distribuzione. Tra i suoi film più apprezzati ricordiamo Susanna Simonin, la religiosa (1966), Céline e Julie vanno in barca (1974), Una recita a quattro (1988) e il suo capolavoro, La bella scontrosa (1991), con Michel Piccoli, Jane Birkin ed Emmanuelle Béart, vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes.

 

The following two tabs change content below.