News: "The cartel" di Ridley Scott e i remake de "La spada nella roccia" e "Baywatch"

Ultimamente non passa quasi settimana che dal mondo del cinema non arrivi una notizia su qualche remake live-action di un Classico Disney. Oggi vi aggiorniamo su La spada nella roccia, versione animata del 1963 diretta da Wolfgang “Woolie” Reitherman: una pellicola finita anch’essa nell’occhio del ciclone dei rifacimenti disneyani. Il copione verrà rivisitato da Bryan Cogman, apprezzato sceneggiatore televisivo e autore di diversi episodi della serie di successo della HBO Il trono di spade; le speranze di vedere un buon film nascono dalla presenza di Cogman nel progetto ma anche dal materiale originale, ovvero il bizzarro fantasy The sword in the stone di T. H. White.

Forse discostarsi, almeno dal punto di vista visivo, dal classico Disney in questo caso potrebbe essere la scelta migliore. Ricordiamo che La spada nella roccia si aggiunge alla lunga lista di remake live-action disneyani attualmente in programma: da La bella e la bestia, passando per il prequel di Aladdin, il Dumbo di Tim Burton, Tinker Bell con Reese Witherspoon, Winnie the Pooh e i remake di Pinocchio, Mulan e Il libro della giungla, oltre a Prince Charming e ad Elliot il drago invisibile.

 

Christian-Bale-and-Ridley-Scott

 

Da anni ormai annoverato tra gli uomini più potenti di Hollywood, Robert Downey Jr, oltre a perseguire con eccellenti risultati la sua seconda giovinezza da attore, continua anche la sua attività di produttore. Insieme alla moglie Susan e a Bill Dubuque, Downey Jr lavorerà ad un film incentrato su tre dibattiti televisivi elettorali sulle presidenziali americane, con l’obiettivo di seguire tutta la preparazione ai vari match politici davanti al piccolo schermo. Come producer, Downey Jr è impegnato anche con un film basato su Pinocchio e con una pellicola bellica; per il momento il suo coinvolgimento in questo nuovo progetto, in qualità di attore oltre che di produttore, non è ancora ufficiale ma molto probabile.

Nonostante l’età, l’intraprendenza di Ridley Scott sembra non finire mai. In attesa di vedere il suo nuovo film di fantascienza, Sopravvissuto – The Martian, il regista di Blade Runner e Il gladiatore ha trovato un accordo con la Fox per portare sullo schermo The cartel, il romanzo di Don Winslow sulla storia di un boss della droga messicano e dell’agente della DEA che ha sacrificato tutto per poterlo catturare. Shane Salerno, sceneggiatore anche de Le belve di Oliver Stone, si occuperà dello script e Scott, dopo aver trattato il tema anche nel fiacco a The counselor – Il procuratore, sembra che possa dirigersi verso una pellicola dai toni decisamente più cupi.

 

Olive Kitteridge

 

Si arricchisce il cast di LBJ, pellicola diretta da Rob Reiner incentrata sulla carriera politica di Lyndon Johnson, nominato Presidente degli Stati Uniti due ore e otto minuti dopo la tragica morte di John F. Kennedy. Nei panni di Johnson è stato da tempo confermato Woody Harrelson, ultimamente molto richiesto dopo il successo di True detective, mentre la novità riguarda Richard Jenkins, al quale è stato affidato il ruolo del senatore Richard Russell, politico della Georgia e amico, oltre che consigliere, di Johnson. Russell aiutò molto Johnson durante il suo primo periodo alla Casa Bianca, salvo poi scontrarsi con il Presidente sulla questione dei diritti civili. Reiner comincerà le riprese a settembre a New Orleans, Dallas e Washington.

Jenkins, reduce dall’ottima performance nella miniserie Tv capolavoro Olive Kitteridge, al fianco del premio Oscar Frances McDormand, sarà nel cast del western Bone Tomahawk con Kurt Russell e in The hollars di John Krasinski, un film con protagonisti i tanto bistrattati emoticon. Proprio così: le faccine delle conversazioni di Whatsapp saranno al centro di una pellicola d’animazione targata Sony Pictures Animation e ideata da Anthony Leondis, che ha diretto Lilo & Stitch 2 – Che disastro Stitch! e Igor. Il progetto entrerà presto in lavorazione e avrà una sceneggiatura firmata da Eric Siegel.

 

San Andreas

 

Chiudiamo con le novità su Dwayne Johnson, probabilmente la più grossa (in tutti i sensi) macchina da soldi attualmente ad Hollywood. L’ex The Rock sarà nuovamente diretto da Brad Peyton dopo l’ottimo successo commerciale di San Andreas. Johnson sarà il protagonista di Rampage, adattamento dell’omonimo videogame di Bally Midway. Il copione verrà scritto da Ryan Engle e la trama seguirà proprio il personaggio di Johnson che cerca di controllare le tre bestie gigantesche protagoniste del videogioco originale: George, Lizzie e Ralph. La produzione è affidata alla Warner Bros.

Non finisce qua per l’ex wrestler, perché all’orizzonte c’è anche una trasposizione cinematografica che farà molto discutere: secondo indiscrezioni la Paramount avrebbe coinvolto l’attore nell’adattamento per il grande schermo di una delle serie cult degli anni ’90, Baywatch. A dirigere il progetto ci sarà Seth Gordon e, a quanto sembra, la versione per il cinema si discosterà molto da quella Tv. Dovrebbe infatti essere realizzato un film che mescola azione e commedia, con Dwayne Johnson e lo stesso Gordon in effetti molto adatti per questo tipo di cinema. Voci non ancora confermate parlano di un possibile ritorno di David Hasselhoff e Pamela Anderson nei ruoli che li resero famosi all’epoca, forse semplicemente per un cameo.

 

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Davide Sica (vedi tutti)