Archivio tag: Cult

United 93

4.00/5

La storia dei passeggeri, dell'equipaggio e dei controllori di volo che hanno guardato, con sempre crescente orrore, il volo United Airlines 93 verso San Francisco diventare il quarto aereo dirottato,

Il sorpasso

4.40/5

Bruno Cortona, estroverso e superficiale quarantenne, incontra casualmente, nella Roma spopolata di Ferragosto, il timido studente universitario Roberto Mariani e lo convince ad unirsi a lui per una scorribanda automobilistica.

Grisbì

4.00/5

Max e Ritojn, due gangster legati da una solida amicizia, hanno fatto un grosso colpo. Un rivale della malavita, Angelo, lo viene a sapere e, per impadronirsi del bottino, assolda

Umberto D.

4.25/5

Umberto Domenico Ferrari è un anziano pensionato, ex funzionario del Ministero dei Lavori Pubblici che, dopo una vita di onesto lavoro, non riesce a sopravvivere con la misera pensione elargitagli

Andrej Rublev

5.00/5

La storia tragica di Andrei Rublëv, pittore russo del Quattrocento, si intreccia a quella di Boriska, figlio di un campanaro, che dichiara di aver appreso dal padre, in punto di

Bande à part

4.50/5

Gli squattrinati Arthur e Franz pianificano di mettere a segno un colpo ai danni della benestante madame Victoria. Per poter penetrare nell'abitazione i due cercano l’appoggio di Odile, una giovane

Il portiere di notte

3.65/5

Vienna, 1957. Una sopravvissuta ai campi di concentramento, Lucia Atherton, incontra per caso il suo aguzzino, Maximilian Theo Aldorfer, che sotto falsa identità lavora come portiere di notte in un

La vita è bella

4.43/5

Guido Orefice, un giovane ebreo amante della vita e della poesia, si reca ad Arezzo con l'amico Ferruccio in cerca di lavoro. Si fa assumere come cameriere dallo zio Eliseo,

Stalker

4.35/5

Un metorite caduto sulla Terra ha prodotto strani fenomeni in una zona, prontamente protetta e recintata dall'esercito; per entrarci esistono però delle guide clandestine, chiamate "stalker", capaci di condurre chiunque

Ottobre

5.00/5

Nel decimo anniversario della Rivoluzione boscevica, il governo sovietico affida al regista Sergej Ejzenstejn, 29 anni, ma già maestro indiscusso, la rievocazione dei "dieci giorni che sconvolsero il mondo". Applicando